FEDERAZIONE ANNA LINDH ITALIA

 

La Federazione Anna Lindh Italia, senza scopo di  lucro, condivide le finalità della Fondazione Anna Lindh  creata nel 2004 dalla Commissione europea congiuntamente ai 42 paesi euromediterranei. 
L’obiettivo della Federazione è promuovere, sostenere ed attuare l’interazione culturale e sociale tra l’Italia e i paesi euromediterranei in vari campi d’azione tra i quali: arte, architettura, archeologia, ambiente, artigianato, giovani, donne, diritti umani, migranti, mestieri d’arte, occupazione, formazione, educazione, infanzia, sport, dialogo interreligioso, legalità, musica, cultura del cibo, empowerment, tradizione, turismo, solidarietà sociale, scambi economici e culturali, mestieri d’arte.
In particolare la Federazione intende attuare iniziative in favore dei giovani finalizzate specialmente a restituire loro speranza e fiducia attraverso la promozione del “vero”, del “bello” e del “buono”.

La Fondazione Mediterraneo e la Federazione Anna Lindh Italia hanno partecipato a questo evento che si è svolto sotto l'Alto Patronato di Sua Maestà il re Mohammed VI.
La città di Marrakech ha ospitato, dal 6 al 10 gennaio 2020, l'organizzazione di questo importante evento scientifico organizzato dal Ministero dell'istruzione nazionale, della formazione professionale, dell'istruzione superiore e della ricerca scientifica e dal Centro Educazione civica marocchina in coordinamento con il "Congresso internazionale per l'efficienza e il miglioramento della scuola".
"Questo evento fa parte dell'attuazione delle Direttive reali che stabiliscono l'istruzione come la seconda priorità nazionale dopo l'integrità territoriale - ha affermato il presidente Michele Capasso - nonché l'attuazione delle disposizioni della legge quadro 51.17 che definisce le caratteristiche della scuola marocchina: una scuola di equità, qualità e promozione dell'individuo e della società che ritiene tale riforma come una responsabilità condivisa che dipende dagli sforzi di tutti".
1000 partecipanti provenienti da 65 paesi in rappresentanza di organismi nazionali e internazionali appartenenti a organizzazioni governative e non governative e interessati al settore dell'istruzione, della formazione e della ricerca scientifica hanno discusso sui seguenti assi: istruzione e responsabilizzazione dei giovani e le loro qualifiche al fine di rafforzare la loro partecipazione allo sviluppo sociale ed economico e migliorare la qualità nelle scuole e prepararli meglio per il mondo professionale; migliorare le pratiche di insegnamento; promuovere i ruoli di decisori, ricercatori e professionisti del cambiamento educativo; promozione dell'insegnamento delle scienze, della tecnologia, dell'ingegneria e della matematica; orientamento scolastico e leadership educativa e infine istruzione inclusiva per migranti e rifugiati. Un asse è stato inoltre dedicato al rafforzamento della governance nelle scuole attraverso il progetto scolastico.
Attraverso oltre 460 presentazioni, conferenze, workshop e tavole rotonde, questa edizione mira a condividere le buone pratiche tra i vari partecipanti per il miglioramento della qualità dell'istruzione e della formazione.
Lo scopo di questa edizione era anche quello di studiare il ruolo della scuola nell'empowerment dei giovani e prepararli a partecipare allo sviluppo sociale ed economico del loro paese, discutendo i modi per migliorare metodi e approcci per garantire le migliori prestazioni degli istituti di istruzione nonché lo scambio di opinioni ed esperienze legate all'integrazione degli immigrati nei sistemi di istruzione e nel tessuto sociale.
L'organizzazione di questo congresso in Marocco è di grande importanza, poiché consentirà in particolare di presentare la strategia del Regno del Marocco di riformare il suo sistema educativo e di discuterne con esperti di fama internazionale. Mira inoltre a condividere esperienze con vari approcci alla riforma dell'istruzione e a promuovere l'immagine del Marocco come destinazione per gli investimenti nell'economia della conoscenza e la consacrazione della politica africana del Marocco la sua presenza non solo come partner economico, ma anche come attore importante nello sviluppo dell'istruzione a livello continentale, attraverso la partecipazione di 20 paesi africani a questa edizione.

Leggi tutto: ...

Un’importante giornata al Museo della Pace - MAMT per ricordare Giovanni Falcone nell’80° anniversario dalla nascita.
Tanti i partecipanti e le testimonianze: tra queste quelle del generale Pasquale Angelosanto, comandante dei Carabiieri - ROS; dei parlamentari Giuseppe Lumìa, Mario Giarrusso, Piera Aiello; dei magistrati Catello Maresca e Cesare Sirignano; dei giornalisti Francesco Borrelli e Dania Mondini; del presidente della Fondazione Caponnetto Salvatore Calleri ed ancora di Nilla Manzi Tavazza, Annella Prisco, Giuseppe Antoci e tanti altri.
Molti studenti delle scuole hanno ripercorso le tappe principali della vita di Giovanni Falcone attraverso i percorsi emozionali ed i video custoditi nel Museo.
Ha aderito alla giornata la “Federazione Anna Lindh Italia onlus” con la partecipazione di molteplici membri.

Leggi tutto: ...

La Fondazione Mediterraneo e la Federazione Anna Lindh Italia hanno partecipato agli eventi della seconda edizione di “Pescasseroli legge” con la direzione artistica di Dacia Maraini.
Tra i libri presentati si segnalano quelli di Vincenzo Paglia, Marcello Fois, Paola Di Nicola, Antonio Padellaro, Nadia Terranova e Michela Murgia.

Leggi tutto: ...

Un’importante giornata al Museo della Pace - MAMT per ricordare Papa Giovanni Paolo II° nel 99° anniversario dalla nascita.
Molti studenti delle scuole hanno ripercorso le tappe principali della vita di Papa Giovanni Paolo II° attraverso i percorsi emozionali ed i video custoditi nel Museo.
Ha aderito alla giornata la “Federazione Anna Lindh Italia onlus” con la partecipazione di molteplici membri.

Leggi tutto: ...