MAMT||Museo Mediterraneo dell' Arte, della Musica e delle Tradizioni

Il MAMTMuseo Mediterraneo dell'Arte, della Musica e delle Tradizioni è uno spazio creato dalla Fondazione Mediterraneo al fine di “vivere”, in maniera interattiva, le emozioni positive del Nostro Mare attraverso le Arti, la Musica e le Tradizioni.

Il MAMT è una delle principali iniziative della Fondazione Mediterraneo: uno spazio attivo per far dialogare Arti, Musica e Tradizioni del Mediterraneo all’interno della società contemporanea. La consapevolezza del passato di antiche tradizioni è la base per la costruzione di un’umanità di razionalità e relazioni: la grandezza del Mediterraneo unisce infatti l’ingegno, la fatica e l’intelligenza insieme alla capacità di condividere spazi e culture. Oggi più che mai il senso del futuro è dato dalla consapevolezza della sofferenza, dei conflitti e allo stesso tempo dalla capacità di condividere le gioie e i legami.

L'Arte e la Musica sono da sempre lo strumento di comunicazione e condivisione dell’umanità che, in un particolare percorso “Mediterraneo”, ci permettono di attraversare la violenza dell’essere umano che ha trovato in Bosnia, Palestina, Siria ed altri luoghi  l’espressione della sua più grande efferatezza: di ciò sono testimonianza le Mostre Bosnia, per non dimenticare e Sofferenza e Speranza nel mondo allestite all’interno del Museo.

Allo stesso tempo simboli che invitano all’incontro e alla speranza compaiono nelle terre della desolazione e del silenzio: Il Presepe di Ferrigno, la mostra Un Mare, tre Fedi, la Pace e L’ultima Cena napoletana fanno parte del patrimonio  espositivo del Museo.

Intorno al Totem della Pace ed alle altre opere di Mario Molinari, scultore del colore, accompagnano il solitario percorso di libertà Il Mondo Onirico di John Crown e la voglia di partecipazione e riconoscimento delle donne del Mediterraneo nella Mostra Stracciando i veli, donne artiste del Mondo Islamico.
Il Fado, il Flamenco, il Tango, il Sirtaki, il Canto di Napoli, le Grandi Opere liriche, la Musica Araba ed i Classici di tutti i tempi catturano il visitatore con la perfezione acustica della “Music Hall” del Museo.
Particolare significato assume la sezione dedicata a Pino Daniele.
Il calore della natura mediterranea e la consapevolezza di doverne preservare la memoria, la ricchezza e la fertilità trovano nella "Sezione Architettura" – con le presenze di Alvaro Siza, Pica Ciamarra Associati, Vittorio Di Pace, Nicola Pagliara, Marco Introini ed altri - e nelle Voci dei Migranti un ulteriore e raffinato punto di forza.
Le opere di Pietro e Rino Volpe tracciano segni mediterranei in cui la cultura e la letteratura si mescolano con la creatività costituendo una collezione unica.
Un insieme di video al altissima definizione sui siti più significativi della Regione Campania accoglierà i crocieristi ed i visitatori in tutto l'edificio: unico nel suo genere l'info point al piano terra prospiciente sulla piazza Municipio.

Il MAMT è, inoltre, un articolato sistema di servizi nel cuore della città di Napoli: la biblioteca, l’emeroteca, la music hall, le sale convegni, i ristoranti, l’Euromedcafé, le residenze e il book‑shop accolgono il visitatore con simpatia e calore: del Mediterraneo!

L’ottavo degli anniversari è dedicato al ventesimo anniversario dalla morte di Bettino Craxi.
Molti i politici intervenuti nelle sale multimediali del Museo dove - nella sezione “I Grandi protagonisti della Storia” - sono disponibili video, immagini e documenti sullo statista italiano.
In questa occasione sono state lette pagine del recente libro di Bettino Craxi “Parigi - Hammamet” e pagine dei libri di Claudio Martelli “L’antipatico” e di Marcello Sorgi “Presunto colpevole”.
Nei 5 piani del Museo sono stati riproposti nei grandi videowall le interviste e tutto il materiale video su Bettino Craxi.
Nel pomeriggio dibattito sul recente film di Gianni Amelio “Hammamet”.
Il presidente Michele Capasso ha ricordato l’amicizia tra Bettino Craxi ed il padre Raffaele e le frequentazioni in giovane età a casa di Pietro Nenni, oltre alle visite a San Sebastiano al Vesuvio ed i funerali del 2000 in Tunisia”. 
Il tutto riportato nel libro “Nostro Mare Nostro” di Michele Capasso.

Leggi tutto: ...

“La mia libertà equivale alla mia vita”.
“Questa la scritta su una semplice tomba dipinta di bianco, rivolta verso l’Italia, a ricordo di un grande statista: Bettino Craxi”.
Con queste parole il presidente Michele Capasso ha reso omaggio allo statista ed al socialista che ha condiviso un lungo periodo con il padre Raffaele, tra i fondatori del Partito Socialista, amico di Pertini e di Nenni.
Il presidente Capasso ha visitato Hammamet qualche giorno prima per essere presente al Museo della Pace - MAMT dove si è svolta una cerimonia con un momento di dibattito sul film di Gianni Amelio “Hammamet”.
Ed in questa giornata, il 19 gennaio 2020, tantissima gente, quasi 1000 persone, gli accenti di tutta Italia, la voglia di non sentirsi reduci ma parte della storia. Qualche lacrima di signore con gli occhiali scuri.
Alle 10,30 la commemorazione di Bettino Craxi, nel giorno esatto della sua morte 20 anni fa, si è svolta al cimitero cattolico di Hammamet, in Tunisia, una lingua di sabbia davanti alle tombe dei musulmani ovviamente in uno spazio molto più grande. Arriva la vedova Anna Moncini Craxi, scortata dai figli. Stefania è abbracciata a Benedetto, il figlio di Bobo, il nipote che porta il nome del nonno anche se nessuno lo chiama Bettino, un segno di riconciliazione tra i fratelli che vivono il dolore e questa lunga ferita mai sanata in due modi diversi.
Non ci sono discorsi politici, solo tanti dirigenti o militanti del vecchio Psi, come Ugo Intini, o del nuovo, come il senatore Riccardo Nencini e il segretario Enzo Maraio, e qualche parlamentare di Forza Italia, che lasciano i garofani sulla tomba bianca, ripitturata di fresco, del leader socialista. Una sola voce si alza dal gruppo silenzioso: è quella di un baritono amico che intona l'Ave Maria di Schubert. Claudio Martelli arriva con un leggero ritardo e questo fa sorridere i vecchi socialisti perché era così anche allora, quando tutto sembrava ruotare intorno a un garofano rosso. Ora quel fiore è su una lapide candida, sul rilievo di un libro aperto come si vedeva nell'antico simbolo del socialismo italiano. C'è un sole magnifico e il rumore del mare, il “Nostro Mare Nostro”: diviso da noi e non tra noi!
"Sono venuti in mille, come quelli di Garibaldi. La testimonianza che Craxi é vivo, al contrario dei tanti morti che pretendono di discutere sui suoi errori prima ancora che sui loro", ha detto la figlia Stefania. Mentre la moglie Anna ha aggiunto: "Sono molto commossa, la fiducia di questi amici e compagni è più grande di quanto pensassi, sono passati 20 anni e Bettino è ancora nei cuori di tanti".
"Il Pd e la Lega assenti qui ad Hammamet? Molti italiani fanno a meno sia del Pd che della Lega e forse anche noi socialisti possiamo fare a meno di entrambi", ha affermato invece il figlio Bobo. Che ha aggiunto: "C'è una duplice lettura, siamo obbligati al ricordo e alla memoria, ma anche obbligati a ricordare che fu vittima di una persecuzione senza pari, come disse il presidente della Repubblica 10 anni fa".

Leggi tutto: ...

In occasione del concerto al Museo della Pace - MAMT, il gruppo “Guappecarto” ha visitato il Museo esprimendo apprezzamento per un luogo unico e per la qualità acustica della sala musica.

Leggi tutto: ...

In occasione del concerto al Museo della PaceMAMT, il gruppo musicale parigino “Guappecarto” ha visitato la sezione dedicata a Molinari scultore del colore.
Grande apprezzamento per l’opera e per la casa museo dello scultore torinese con una dedica speciale per Jacopo Molinari.

Leggi tutto: ...

In occasione del concerto dei “Guappecarto” al Museo della Pace – svoltosi in collaborazione con il caffè Kimbo - gli ospiti accolti tutti gratuitamente e, soprattutto, il gruppo “Guappecarto” hanno potuto apprezzare le qualità del caffè Kimbo.

Leggi tutto: ...

Grande successo di pubblico per il concerto dei GUAPPECARTO al Museo della Pace - MAMT dal titolo “Sambol Italian Tour”.
Il famoso gruppo italo-parigino si è esibito nei pezzi principali ed in alcuni storici, coinvolgendo emozionalmente gli invitati.
Come per tutti gli eventi del museo l’ingresso è gratuito fino ad esaurimento dei posti disponibili.

Leggi tutto: ...

Allievi e docenti dell’Istituto Vittorio Veneto di Secondigliano hanno visitato il Museo della PaceMAMT alla vigilia del loro viaggio in Tunisia per progetti di scambio con una scuola di Gabès.
Il presidente Capasso ha illustrato i percorsi principali del Museo e, in particolare, gli spazi dedicati alla Tunisia (Isola di Djerba, ceramiche di Sejnane ed altri).
Apprezzamento ed emozione sono stati espressi dadi docenti e degli allievi a conclusione della visita.

Leggi tutto: ...

La Fondazione Mediterraneo, in partnership con accademie, università e vari Paesi del mondo, ha presentato al Museo della Pace - MAMT “LA REPUBBLICA DELLO SPAZIO”: un progetto di lunga portata  finalizzato a proteggere,  custodire, valorizzare e promuovere i patrimoni dell’umanità nelle principali categorie.

Viviamo in un momento difficile della nostra storia – ha affermato il presidente Michele Capasso – in cui la dimensione fluida sembra essere predominante: valori, cambiamenti climatici, arte, creatività, mestieri, memorie collettive e tanto altro sembrano non avere più significato e tutto appare in balia di un ‘onda “anomala” in grado di sconvolgere il mondo portando via tutto.
Per salvare l’immenso patrimonio materiale ed immateriale mondiale è necessario agire “Oltre” ed “Altro”: creando una dimensione reale al di fuori del nostro pianeta, nello Spazio appunto, dove proteggere, custodire, valorizzare e promuovere la parte più significativa dei patrimoni mondiali dell’umanità. Dal patrimonio artistico - a rischio di terremoti, alluvioni ed eventi climatici - alle memorie collettive immateriali, dai documenti più significativi della storia alle poesie, dagli antichi saperi alle nuove tecnologie: un elenco nutrito di cose da custodire  e proteggere, sia a livello immateriale che materiale”
.

In occasione delle celebrazioni del trentesimo anniversario della nascita della Fondazione Mediterraneo – in programma per tutto il 2020 – sarà presentato in vari Paesi il progetto esecutivo ed i criteri generali de “La Repubblica dello Spazio”.

Leggi tutto: ...