MAMT||Museo Mediterraneo dell' Arte, della Musica e delle Tradizioni

Il MAMTMuseo Mediterraneo dell'Arte, della Musica e delle Tradizioni è uno spazio creato dalla Fondazione Mediterraneo al fine di “vivere”, in maniera interattiva, le emozioni positive del Nostro Mare attraverso le Arti, la Musica e le Tradizioni.

Il MAMT è una delle principali iniziative della Fondazione Mediterraneo: uno spazio attivo per far dialogare Arti, Musica e Tradizioni del Mediterraneo all’interno della società contemporanea. La consapevolezza del passato di antiche tradizioni è la base per la costruzione di un’umanità di razionalità e relazioni: la grandezza del Mediterraneo unisce infatti l’ingegno, la fatica e l’intelligenza insieme alla capacità di condividere spazi e culture. Oggi più che mai il senso del futuro è dato dalla consapevolezza della sofferenza, dei conflitti e allo stesso tempo dalla capacità di condividere le gioie e i legami.

L'Arte e la Musica sono da sempre lo strumento di comunicazione e condivisione dell’umanità che, in un particolare percorso “Mediterraneo”, ci permettono di attraversare la violenza dell’essere umano che ha trovato in Bosnia, Palestina, Siria ed altri luoghi  l’espressione della sua più grande efferatezza: di ciò sono testimonianza le Mostre Bosnia, per non dimenticare e Sofferenza e Speranza nel mondo allestite all’interno del Museo.

Allo stesso tempo simboli che invitano all’incontro e alla speranza compaiono nelle terre della desolazione e del silenzio: Il Presepe di Ferrigno, la mostra Un Mare, tre Fedi, la Pace e L’ultima Cena napoletana fanno parte del patrimonio  espositivo del Museo.

Intorno al Totem della Pace ed alle altre opere di Mario Molinari, scultore del colore, accompagnano il solitario percorso di libertà Il Mondo Onirico di John Crown e la voglia di partecipazione e riconoscimento delle donne del Mediterraneo nella Mostra Stracciando i veli, donne artiste del Mondo Islamico.
Il Fado, il Flamenco, il Tango, il Sirtaki, il Canto di Napoli, le Grandi Opere liriche, la Musica Araba ed i Classici di tutti i tempi catturano il visitatore con la perfezione acustica della “Music Hall” del Museo.
Particolare significato assume la sezione dedicata a Pino Daniele.
Il calore della natura mediterranea e la consapevolezza di doverne preservare la memoria, la ricchezza e la fertilità trovano nella "Sezione Architettura" – con le presenze di Alvaro Siza, Pica Ciamarra Associati, Vittorio Di Pace, Nicola Pagliara, Marco Introini ed altri - e nelle Voci dei Migranti un ulteriore e raffinato punto di forza.
Le opere di Pietro e Rino Volpe tracciano segni mediterranei in cui la cultura e la letteratura si mescolano con la creatività costituendo una collezione unica.
Un insieme di video al altissima definizione sui siti più significativi della Regione Campania accoglierà i crocieristi ed i visitatori in tutto l'edificio: unico nel suo genere l'info point al piano terra prospiciente sulla piazza Municipio.

Il MAMT è, inoltre, un articolato sistema di servizi nel cuore della città di Napoli: la biblioteca, l’emeroteca, la music hall, le sale convegni, i ristoranti, l’Euromedcafé, le residenze e il book‑shop accolgono il visitatore con simpatia e calore: del Mediterraneo!

Il Re del Marocco Mohammed VI sostiene sin dall’anno 2000 la Fondazione Mediterraneo con il Museo della Pace - MAMT.
La sede distaccata di Marrakech è stata costituita sotto il Suo Alto Patronato, preceduto da quello del defunto genitore Re Hassan II.
Nel suo messaggio scrive:
"Nous considérons la création de la Maison de la Méditerranée avec le Musée de la Paix - MAMT, ici dans la ville séculaire de Naples, comme un jalon qui vient conforter l’édifice grandiose érigé au service de l’interaction des civilisations, une interaction que votre honorable Fondazione Mediterraneo ne cesse de favoriser avec soin et persévérance…
Nous réitérons notre soutien aux nobles objectifs que vous étés assignés et Nous vous exprimons les remerciements".

Leggi tutto: ...

Si è svolta a Tunisi, sotto la presidenza congiunta di Faiza Kefi e Nadir Aziza, la riunione del Comitato Esecutivo Internazionale (CEI) della Fondazione Mediterraneo e del Museo della Pace - MAMT.
Unico punto all’ordine del giorno l’irrisolto problema della sede di Napoli del Museo della Pace - MAMT.
Su tale argomento il CEI ha deliberato di richiedere al Governo italiano - per le parti dell’immobile di proprietà dell’Agenzia del Demanio - la definizione degli impegni assunti a Marsiglia il 6 luglio 2000 e ratificati dalla legge 111/2001. In dettaglio:

  • La concessione di ulteriori immobili del Palazzo Pierce per completare il sistema museale, per garantire la sicurezza e l’unicità della scala di accesso da via Depretis 130 e per il completamento del programma “Italia da scoprire”.
  • La riunificazione delle concessioni in essere con le nuove.
  • L’applicazione del canone ricognitorio o della gratuità.
  • L’applicazione della durata equiparata alle porzioni di immobile concessi dalla Regione Campania per le parti di sua competenza (99anni).

In questa occasione è stato redatto un Appello che, oltre ad essere stato sottoscritto all’unanimità da tutti i presenti, sarà proposto in vari consessi internazionali e, in particolare, nei Paesi partner del Museo.
Il CEI ha incaricato il legale rappresentante del soggetto attuatore – la Fondazione Mediterraneo – di inviare copia dell’Appello ai ministri Franceschini e Gualtieri.
Il CEI ha deliberato, infine, di pubblicare i documenti principali e parte della corrispondenza intercorsa.

Leggi tutto: ...

Ministri ,delegati, intellettuali, esponenti della società civile di vari Paesi euromediterranei hanno sottoscritto l’Appello per la salvaguardia della sede del Museo della Pace - MAMT a Napoli.
Le richieste in dettaglio sono:

  • La concessione di ulteriori immobili del Palazzo Pierce per completare il sistema museale, per garantire la sicurezza e l’unicità della scala di accesso da via Depretis 130 e per il completamento del programma “Italia da scoprire”.
  • La riunificazione delle concessioni in essere con le nuove.
  • L’applicazione del canone ricognitorio o della gratuità.
  • L’applicazione della durata equiparata alle porzioni di immobile concessi dalla Regione Campania per le parti di sua competenza (99anni).

I sottoscrittori hanno incaricato il legale rappresentante del soggetto attuatore – la Fondazione Mediterraneo – di inviare copia dell’Appello ai ministri Franceschini e Gualtieri ed al presidente della Regione Campania De Luca.

Leggi tutto: ...

Il Presidente Michele Capasso ha partecipato al 5° Colloquio Internazionale "Il Mediterraneo: realtà, sfide e prospettive” organizzato dalla Konrad Adenauer Stiftung e dal Forum dell'Accademia politica.
Il prof. Capasso ha presieduto la Quarta sessione scientifica dedicata alle "Sfide demografiche ed economiche” ed ha preso parte alla sesta sessione scientifica dedicata a "Il Mediterraneo della cultura” con la relazione titolata “2020-2050: il Grande Mediterraneo nelle mutazioni geostrategiche”.
I partecipante nella sessione di apertura, presente il Ministro degli Affari Esteri Khemaies Jhinaoui, hanno sottoscritto all’unanimità l’Appello del Comitato Esecutivo Internazionale del Museo della Pace - MAMT con il quale si richiede alle autorità italiane di garantire la permanenza del Museo - patrimonio dell’umanità - a Napoli.

Leggi tutto: ...

Alla vigilia del Forum Internazionale "Il Mediterraneo: Realtà, Sfide e Prospettive" il presidente Michele Capasso è stato intervistato dalla TAP e da altre agenzie arabe sulle tematiche del Mediterraneo.
In questa occasione si svolgerà anche la riunione Internazionale del Comitato Esecutivo della Fondazione Mediterraneo e del Museo della Pace - MAMT che affronterà il problema della sede di Napoli.

Leggi tutto: ...

La Fondazione Mediterraneo ha partecipato all'inaugurazione dell'Expo del 500° anniversario della morte di Leonardo da Vinci svoltasi al Museo Louvre di Parigi.
La mostra presenta circa 120 opere tra dipinti, disegni, manoscritti, sculture e oggetti d'arte provenienti da diverse tra le più importanti istituzioni museali in Europa e negli USA con l'obiettivo di documentare in modo approfondito la particolare tecnica pittorica dell'artista, ma anche l'approccio alla conoscenza del mondo da studioso curioso e libero.
A latere dell'evento il presidente Capasso ha presentato le prossime attività del Museo della Pace - MAMT.

Leggi tutto: ...

Visita al Museo di una delegazione messicana guidata dall’architetto Luis Alberto Parra.
Accolti dal presidente Michele Capasso e dalla direttrice Pia Molinari i delegati hanno espresso apprezzamento per un luogo unico patrimonio dell’umanità.
In questa occasione è stato concordato di realizzare l’opera monumentale “Totem della Pace” dello scultore Mario Molinari a La Paz in terra compattata.

Leggi tutto: ...

Visitatori e fedeli hanno celebrato nel Museo della Pace - MAMT la festa di S. Giovanni Paolo II.
Video, testimonianze, documenti, reliquie e Sante Messe hanno caratterizzato la giornata al museo.

Leggi tutto: ...