Premio Mediterraneo "Medaglia d'Onore per la Società Civile"
a Giuseppe Antoci
Politico

A Giuseppe Antoci - già presidente del Parco dei Nebrodi dal 2013 al 13 febbraio 2018 - per aver introdotto un protocollo per l'assegnazione degli affitti dei terreni, che prevede la presentazione del certificato antimafia anche per quelli di valore inferiore a 150.000 euro.
Questo "Protocollo di legalità" è stato esteso prima a tutta la Sicilia - sottoscritto da tutti i Prefetti dell'isola - e poi recepito dal nuovo codice antimafia il 27 settembre 2017: adesso è applicato in tutta Italia. Tre anni fa, il 18 maggio 2016, Antoci è stato vittima di un attentato mafioso, dal quale è uscito illeso grazie all'auto blindata e all'intervento della scorta.
Definito dallo scrittore Andrea Camilleri "Un Eroe dei nostri tempi", Giuseppe Antoci ha    dimostrato di essere una persona coraggiosa che, facendo il proprio dovere, combatte la mafia e l’illegalità.
Per questa sua azione gli viene conferito questo Premio.

La Cerimonia di Assegnazione
Napoli, 18 maggio 2019

Premio Mediterraneo "Medaglia d'Onore Istituzioni"
a
Pasquale Angelosanto
Generale di Brigata e Comandante del Raggruppamento Operativo Speciale dell'Arma dei Carabinieri (ROS)

A Pasquale Angelosanto, per il suo impegno quotidiano nella lotta alla mafia ed al terrorismo, in difesa dei valori e dei diritti fondamentali della persona umana.
Il suo impegno contro l’eversione ed il terrorismo - già a partire dalle indagini sugli   omicidi del Prof. Massimo d’Antona e del Prof. Marco Biagi, uccisi dalle Brigate Rosse, e contrastando le attività della cosca della ‘ndrangheta Ruga-Gallace-Novella, operante tra Anzio e Nettuno - ha evidenziato le sue doti investigative ma, soprattutto, umane.
Il ROS è erede delle sezioni speciali anticrimine del Generale Carlo Alberto dalla Chiesa: ed è proprio ai suoi insegnamenti che il Generale Angelosanto fa riferimento, ricordando ai suoi Carabinieri di “non fermarsi all’episodio, di analizzare il contesto, ragionare e muoversi come l’avversario; di non accontentarsi dopo il primo colpo, ma continuare e smantellare tutto il gruppo criminale”.
Un esempio su cui fonda la propria quotidiana azione il Generale Angelosanto, al quale viene assegnato questo Premio.

La Cerimonia di Assegnazione
Napoli, 18 maggio 2019

Premio Mediterraneo "Medaglia d'Onore alla memoria per la Solidarietà Sociale"
a Luciano Tavazza
Giornalista

A Luciano Tavazza, uomo, credente e volontario che ci ha insegnato quanto può essere profondamente politica la gratuità: che non significa solo fare qualcosa per gli altri senza denaro, ma soprattutto farsi carico responsabilmente e gratuitamente della convivenza umana e di conseguenza della dimensione sociale e umana di ogni persona.
Con la sua vita ha sottolineato il primato etico della solidarietà rispetto alla sfera dell’utile, agendo senza secondi fini per andare incontro ad ogni persona in difficoltà, aiutandola a rispondere a quei bisogni che la rendono povera, emarginata, dipendente.
Una scelta politica di impegno nel cambiamento di ciò che può e deve essere cambiato richiamando la Costituzione della Repubblica Italiana: non solo una Carta da ricordare o da incorniciare, ma un impegno quotidiano per il raggiungimento di quella Costituzione Morale, dei Diritti e dei Doveri che essa presuppone.
Questo Premio viene assegnato alla memoria di Luciano Tavazza, affinché la sua opera non venga dimenticata ed il nostro comune impegno per gli altri non si accontenti di un mondo che non vuole cambiare nulla.

La Cerimonia di Assegnazione
Napoli, 18 maggio 2019

Premio Mediterraneo "Medaglia d'Onore per la Cultura"
ad Annella Prisco
Giornalista, Scrittrice

Ad Annella Prisco, per la sua opera e, in particolare, per il libro “Girasoli al vento. Riflessioni e ricordi su mio padre (Guida editori)” nel quale l’autrice ricorda il padre Michele, uno dei più significativi protagonisti della letteratura del Novecento.
Annella Prisco predilige, per questo scritto, raccontare il lato umano del padre, ripercorrendo pagine di vita vissuta, di vita familiare, accompagnate da riflessioni sui tempi che viviamo, su quanto è cambiato il mondo in appena quindici anni, del modo di comunicare e di vivere.
Queste belle pagine di memorie volano via lievi e nello stesso tempo sono velate da malinconia per la figura di un padre, oltre che scrittore, affettuoso e presente che ha sempre avuto un rapporto speciale con le due figlie Annella e Caterina.
Annella Prisco utilizza la metafora dei “Girasoli” scrivendo: “Siamo girasoli al vento, mossi dalla corrente delle incognite, del mutare repentino degli scenari, ma con la capacità di rivolgere, nonostante tutto, sempre lo sguardo verso il sole, verso un orizzonte vicino o lontano, ma comunque approdo accogliente per ognuno, nel perenne gioco delle parti, che è il divenire e il destino della storia dell’uomo».
Questo Premio viene conferito ad Annella Prisco perché degna erede di una Cultura Vera.

La Cerimonia di Assegnazione
Napoli, 18 maggio 2019

Premio Mediterraneo "Medaglia d'Onore per l’Ambiente e Cosviluppo"
a Lucio Ubertini
Programma UNESCO UN WWAP

Viene premiato per il suo per l’impegno costante e significativo per migliorare la gestione delle risorse idriche e l’accesso ai servizi idrici e igienico-sanitari, allo scopo di superare la povertà e affrontare le disuguaglianze sociali ed economiche nel mondo.

La Cerimonia di Assegnazione
Napoli, 22 marzo 2019

Premio Mediterraneo "Medaglia d'Onore per l’Ambiente e Cosviluppo"
a András Szöllősi-Nagy
Chair del programma “Soutainable Water Future” e già rettore del Water Education Institute dell’UNESCO

Viene premiato per il suo per l’impegno costante e significativo per migliorare la gestione delle risorse idriche e l’accesso ai servizi idrici e igienico-sanitari, allo scopo di superare la povertà e affrontare le disuguaglianze sociali ed economiche nel mondo.

La Cerimonia di Assegnazione
Napoli, 22 marzo 2019

Premio Mediterraneo "Medaglia d'Onore per l’Ambiente e Cosviluppo"
a Michela Miletto
Vicecoordinatore del programma UNESCO UN WWAP

Viene premiata per il suo impegno costante e significativo per migliorare la gestione delle risorse idriche e l’accesso ai servizi idrici e igienico-sanitari, allo scopo di superare la povertà e affrontare le disuguaglianze sociali ed economiche nel mondo.

La Cerimonia di Assegnazione
Napoli, 22 marzo 2019