LA MAISON DE LA PAIX

CASA UNIVERSALE DELLE CULTURE

La Maison de la Paix - Casa Universale delle Culture è un luogo altamente rappresentativo, in cui trasmettere la conoscenza delle diverse identità e culture del mondo, strutturando permanentemente iniziative in grado di produrre la pace necessaria per lo sviluppo condiviso.

La Maison de la Paix - Casa Universale delle Culture (MdP) è un progetto ideato da Michele Capasso, al quale hanno aderito i principali Paesi del mondo ed organismi internazionali. E' un’architettura in cui viene custodita la memoria delle molteplici iniziative di Pace che hanno caratterizzato la storia, spesso più delle guerre, ma – soprattutto – uno spazio in cui “costruire” la Pace.

Il complesso architettonico ha un valore simbolico importante: rappresenta, infatti, i Paesi del mondo impegnati nel processo di pace, unitamente ai Paesi vittime dei conflitti.

Proposto dalla Fondazione Mediterraneo con la Maison des Alliances – insieme ai principali organismi aderenti, quali l’Assemblea Parlamentare del Mediterraneo, la Lega degli Stati Arabi, la Fondazione Euromediterranea Anna Lindh ed altri, la MdP costituisce un punto di riferimento per tutti coloro che intendono abbracciare la pace.

Il suo simbolo è il "Totem della Pace" dello scultore Mario Molinari che la Fondazione Mediterraneo sta diffondendo in tutto il mondo, costituendo la rete delle "Città per la Pace".

La prima sede della MdP è stata inaugurata il 14 giugno 2010 (Nasce la Maison de la Paix - Casa Universale delle Culture) nello storico edificio del Grand Hotel de Londres a Napoli.

L'azione della Maison de la Paix - Casa Universale delle Culture è finalizzata a valorizzare le iniziative principali del "Forum Universale delle Culture" di: Barcellona (2004), Monterrey (2007), Valparaiso (2010) e Napoli (2013).

La Maison de la Paix svolge la maggior parte delle iniziative congiuntamente con la Maison de la Méditerranée.

 

La Fondazione Mediterraneo e la Federazione Anna Lindh Italia hanno sottoscritto tra i primi il “Manifesto di Assisi” e partecipato all’incontro di Assisi nel Salone Papale del Sacro Convento.
Tra gli interventi quelli del presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, del ministro dell'Università e della Ricerca, Gaetano Manfredi e del presidente del Parlamento Europeo, David Sassoli. Tra i promotori del Manifesto ci sono il presidente della Fondazione Symbola, Ermete Realacci, il Custode del Sacro Convento di Assisi, padre Mauro Gambetti, il direttore della rivista San Francesco, padre Enzo Fortunato, il presidente di Coldiretti, Ettore Prandini, quello di Confindustria, Vincenzo Boccia, l'amministratore delegato Enel, Francesco Starace, e di Novamont, Catia Bastioli oltre al presidente della Fondazione Mediterraneo, Michele Capasso.
"Questo manifesto, che delinea quindi un prima e un dopo per le politiche ambientali in Italia, non poteva non partire dall'Umbria perché frutto della consapevolezza green che hanno sia Assisi sia questa regione" ha affermato il direttore della sala stampa del Sacro Convento, padre Enzo Fortunato.
L'Umbria, per la presidente Donatella Tesei, "rappresenta una regione dove, affrontando questi concetti, possiamo passare dalle parole ai fatti".
Quello del 24 gennaio ad Assisi è per Realacci un appuntamento sull'ambiente "più forte di quello del Forum economico mondiale di Davos" perché, ha spiegato, "il Manifesto di Assisi è una alleanza nuova e molto italiana che tesse una rete tra economia, cultura e ricerca con il contributo delle migliori energie tecnologiche, istituzionali, politiche, sociali, culturali del Paese".
Il presidente Michele Capasso, in occasione del trentennale della Fondazione Mediterraneo che coincide con la giornata odierna,  ha sottolineato l’importanza di passare da un “sistema di misure” ad un “sistema di valori” in cui “è assolutamente indispensabile costruire un'economia e una società più a misura d'uomo in grado di affrontare con coraggio la crisi climatica, grazie ad una nuova alleanza tra istituzioni, mondo economico, politica, società e cultura”.

Leggi tutto: ...

La Fondazione Mediterraneo – che dal 2002 ha una sua sede nella città di Marrakech – sostiene la città ocra designata Capitale africana della cultura 2020: una vetrina per l'Africa urbana di oggi, per promuovere la diversità delle espressioni culturali africane.
Nel 2020, Marrakech, questa città millenaria due volte elencata come patrimonio universale dell’UNESCO, prima attraverso la sua medina dal 1985, ma anche la piazza Jamaa Lafna come patrimonio immateriale nel 2001, porterà i colori della cultura africana.
Destinazione turistica famosa in tutto il mondo, Marrakech ha un importante valore turistico-culturale capace di ospitare eventi internazionali di assoluto rilievo.
Il capitale umano della città e l’abitudine al multiculturalismo consentono a Marrakech di lanciare un'edizione pilota di capitali africane della cultura, attraverso la creazione del comitato organizzatore di Marrakech 2020.
Le capitali africane della cultura, che saranno lanciate per la prima volta, si considera un evento importante, ancorato e pilotato in Africa e diffuso a livello internazionale. È un'iniziativa che coordina e valorizza le competenze, il know-how e le abilità nel continente e nella diaspora che compongono l'Africa di oggi e modellano il mondo di domani.
Il Museo della PaceMAMT ospiterà i momenti più significativi durante tutto l’anno 2020.

Leggi tutto: ...

Il presidente Michele Capasso ed i membri del comitato internazionale della Fondazione Mediterraneo esprimono il proprio cordoglio per la morte del Sultano dell’Oman Qaboos bin Said al Said.
Il presidente Capasso, dopo aver ricordato i rapporti di amicizia con il sultanato e la collaborazione in numerose iniziative di pace e cooperazione, ha tracciato il profilo del Sultano Qaboos spentosi a 79 anni dopo una lunga malattia e dopo esser rimasto in carica per mezzo secolo.
Il più longevo leader arabo sarà ricordato come un abile mediatore nei conflitti regionali - ha sottolineato il presidente Capasso -  molto amato in patria anche se accentrava su di sé tutti i poteri di un paese cardine tra mondo arabo e subcontinente indiano. Auguriamo al suo successore, il 65enne cugino Haytham ben Tareq, buon lavoro. Abbiamo apprezzato – conclude il presidente Capasso – come nel suo discorso di insediamento il nuovo Sultano abbia assicurato che intende governare nel segno della continuità, rispettando il principio della non-interferenza negli affari dei paesi vicini”.
Il presidente Capasso ha ricordato la visita del Sultano Qaboos a Napoli e quella di vari ministri dell’Oman alla sede della Fondazione.

Leggi tutto: ...

Il presidente Michele Capasso ha ricevuto il “Premio Natale della Ricerca” per il trentennale impegno in favore del dialogo e della pace.
Nel breve discorso di ringraziamento Capasso ha evidenziato che il premio ricevuto è “il Premio del noi”, in quanto destinato a tutti coloro, rappresentanti vari Paesi euromediterranei, che hanno contribuito e consentito alla Fondazione Mediterraneo di svolgere un ruolo di primo piano nel partenariato euromediterraneo.

Leggi tutto: ...

In occasione della celebrazione della “53a GIORNATA MONDIALE DELLA PACE” il Santo Padre Francesco ha inviato un messaggio dal tema “LA PACE COME CAMMINO DI SPERANZA: DIALOGO, RICONCILIAZIONE E CONVERSIONE ECOLOGICA”.
Il presidente della Repubblica italiana Sergio Mattarella ha inviato un suo messaggio.
Sullo stesso tema si è espresso il presidente della Fondazione Mediterraneo Michele Capasso nel suo messaggio per il nuovo anno.

Leggi tutto: ...