Maison de la Paix || Casa Universale delle Culture

CASA UNIVERSALE DELLE CULTURE

La Maison de la Paix - Casa Universale delle Culture è un luogo altamente rappresentativo, in cui trasmettere la conoscenza delle diverse identità e culture del mondo, strutturando permanentemente iniziative in grado di produrre la pace necessaria per lo sviluppo condiviso.

La Maison de la Paix - Casa Universale delle Culture (MdP) è un progetto ideato da Michele Capasso, al quale hanno aderito i principali Paesi del mondo ed organismi internazionali. E' un’architettura in cui viene custodita la memoria delle molteplici iniziative di Pace che hanno caratterizzato la storia, spesso più delle guerre, ma – soprattutto – uno spazio in cui “costruire” la Pace.

Il complesso architettonico ha un valore simbolico importante: rappresenta, infatti, i Paesi del mondo impegnati nel processo di pace, unitamente ai Paesi vittime dei conflitti.

Proposto dalla Fondazione Mediterraneo con la Maison des Alliances – insieme ai principali organismi aderenti, quali l’Assemblea Parlamentare del Mediterraneo, la Lega degli Stati Arabi, la Fondazione Euromediterranea Anna Lindh ed altri, la MdP costituisce un punto di riferimento per tutti coloro che intendono abbracciare la pace.

Il suo simbolo è il "Totem della Pace" dello scultore Mario Molinari che la Fondazione Mediterraneo sta diffondendo in tutto il mondo, costituendo la rete delle "Città per la Pace".

La prima sede della MdP è stata inaugurata il 14 giugno 2010 (Nasce la Maison de la Paix - Casa Universale delle Culture) nello storico edificio del Grand Hotel de Londres a Napoli.

L'azione della Maison de la Paix - Casa Universale delle Culture è finalizzata a valorizzare le iniziative principali del "Forum Universale delle Culture" di: Barcellona (2004), Monterrey (2007), Valparaiso (2010) e Napoli (2013).

La Maison de la Paix svolge la maggior parte delle iniziative congiuntamente con la Maison de la Méditerranée.

 

La Fondazione Mediterraneo ha coorganizzato con le ACLI ed il Consolato della Repubblica Tunisina a Napoli l’evento "Programmare la Pace nel Mediterraneo".
Di particolare significato l’intervento del presidente Capasso che ha riepilogato 30 anni di attività della Fondazione per il diaolgo e lapace e , in particolaere, il programma STATI UNITI DEL MONDO.

Leggi tutto: ...

Dopo un anno di assenza dovuta al Covid 19, si è riunita a Napoli la giuria internazionale del "Mare Nostrum Award": il Premio istituito undici anni fa dal Gruppo Grimaldi.
In questa occasione il presidente Michele Capasso - membro della giuria presieduta da Bruno Vespa, presente ai lavoriha sottolineato l'importanza del Premio per restituire fiducia ad una regione - il Mediterraneo – specialmente dopo la pandemia. Il presidente Capasso ha sottolineato l’importanza di aver condiviso le candidature di qualità nell’ambito del programma STATI UNITI DEL MONDO con al centro le ”Vie del mare” quale patrimonio dell’umanità.

Leggi tutto: ...

La Fondazione Mediterraneo ha partecipato alla conferenza internazionale organizzata webinar dall’ISPI. In questa occasione il presidente Michele Capasso ha ricordato le azioni della Fondazione Mediterraneo in favore dell’Algeria a partire dal 1995 ed i forum tematici dedicati al paese mediterraneo: un’azione riconosciuta dai leaders algerini.
In particolare è stata sottolineata la visita dell’allora Ministro degli Esteri algerino Bedjaoui alla sede della Fondazione Mediterraneo.

Leggi tutto: ...

Continua l’impegno della Fondazione Mediterraneo per il vaccino anti Covid 19. Dopo varie iniziative in diversi paesi - tra le quali l’Appello per la cooperazione di tutti -  la Fondazione Mediterraneo ha rilanciato un appello insieme all’Organizzazione Mondiale della Sanità al fine di giungere in tempi brevi ad un “vaccino universale” disponibile per tutti, in particolare per i paesi poveri.
Appello che tutti gli Stati dovrebbero ascoltare per attuare quanto in esso esposto: è in gioco la vita di centinaia di migliaia di uomini e donne di tutto il mondo.
Il professor Corrado Perricone, membro della Fondazione, ha pubblicati vari articoli su questo argomento.

Leggi tutto: ...

La Fondazione Mediterraneo ha partecipato alla conferenza internazionale organizzata webinar dall’ISPI. In questa occasione il presidente Michele Capasso ha ricordato le azioni della Fondazione Mediterraneo in favore del creato e dell’ambiente  a partire dal 1990: dall’Appello per la salvezza della terra alle iniziative per arrestare i cambiamenti climatici.

Leggi tutto: ...

La Fondazione Mediterraneo ha partecipato alla conferenza internazionale organizzata webinar dall’ISPI. In questa occasione il presidente Michele Capasso ha ricordato le azioni della Fondazione Mediterraneo in favore dei Balcani a partire dal 1990: dall’Appello per la Pace in ex Jugoslavia alle oltre 500 iniziative per l’integrazione della regione nell’Unione europea.

Leggi tutto: ...

La Fondazione Mediterraneo ha partecipato al webinar commemorativo di Luciano Tavazza in occasione del 21° anniversario dalla morte. In un messaggio a Domenico De Simone – presidente dell’Associazione Tavazza - il presidente Michele Capasso ha sottolineato l’attualità dell’esempio di solidarietà di Luciano Tavazza specialmente in questo difficile momento per l’intera umanità.

Leggi tutto: ...

La Fondazione ha partecipato alla conferenza internazionale. Il presidente Capasso ha ricordato l’antica amicizia e consuetudini con il Regno Hashemita, dove la Fondazione ha una sede.
Rispetto ai suoi turbolenti vicini come l'Iraq, la Siria e la Cisgiordania occupata da Israele, la Giordania è generalmente vista come una sacca di calma in un ambiente instabile e un partner affidabile nella lotta contro i gruppi estremisti. Negli ultimi decenni, il Regno hascemita è stato effettivamente risparmiato da gran parte degli sconvolgimenti politici che hanno colpito altre capitali del Medio Oriente. Il mese scorso, questa solida immagine è stata interrotta da un presunto tentativo di colpo di stato contro il re Abdallah II, al potere dal 1999.
L'amministrazione Biden, l'UE e i principali partner internazionali di Amman hanno rapidamente sostenuto il re nello spirito di stabilità regionale, che la Giordania continua a considerare come una componente essenziale. Tuttavia, la rivelazione pubblica della spaccatura reale giordana ha anche fatto luce sulle debolezze e le vulnerabilità strutturali sottostanti, non solo all'interno della famiglia regnante.
Oggi, gravi problemi socio-economici danneggiano questo paese con scarse risorse naturali, sede di una consistente popolazione di rifugiati e afflitto da un'economia fragile ulteriormente amplificata dalla pandemia Covid-19. Sebbene passate inosservate negli ultimi mesi, queste tensioni si sono manifestate in un momento di particolare incertezza che, unito alle ultime tensioni all'interno della famiglia reale, rischia seriamente di minare il tanto necessario processo di riforme socio-economiche. Che cosa ci dice la recente confusione sulla situazione politica interna del regno? Quali conseguenze dobbiamo aspettarci per la stabilità della famiglia reale e quella del Paese? Quali sono i principali fattori che potrebbero ostacolare un serio e concreto processo di riforme? Per quanto tempo la società giordana gestirà l'attuale situazione socio-economica? Come ha reagito la comunità internazionale alle sfide del regno? Quale ruolo dovrebbero svolgere i principali partner di Amman per mantenere la Giordania come perno della stabilità e partner chiave nella regione?

Panel Discussion
Zaid Eyadat
, Director, Center for Strategic Studies (CSS), Jordan
Tuqa Nusairat, Deputy Director, Rafik Hariri Center for the Middle East, Atlantic Council, USA
Katarzyna Sidło, Director of the Middle East and North Africa Department, Center for Social and Economic Research (CASE), Poland

Chair
Paolo Maggiolini, Associate Researcher, ISPI and Lecturer in History of Islamic Asia, Catholic University of Milan

Leggi tutto: ...