MAMT||Museo Mediterraneo dell' Arte, della Musica e delle Tradizioni

Il MAMTMuseo Mediterraneo dell'Arte, della Musica e delle Tradizioni è uno spazio creato dalla Fondazione Mediterraneo al fine di “vivere”, in maniera interattiva, le emozioni positive del Nostro Mare attraverso le Arti, la Musica e le Tradizioni.

Il MAMT è una delle principali iniziative della Fondazione Mediterraneo: uno spazio attivo per far dialogare Arti, Musica e Tradizioni del Mediterraneo all’interno della società contemporanea. La consapevolezza del passato di antiche tradizioni è la base per la costruzione di un’umanità di razionalità e relazioni: la grandezza del Mediterraneo unisce infatti l’ingegno, la fatica e l’intelligenza insieme alla capacità di condividere spazi e culture. Oggi più che mai il senso del futuro è dato dalla consapevolezza della sofferenza, dei conflitti e allo stesso tempo dalla capacità di condividere le gioie e i legami.

L'Arte e la Musica sono da sempre lo strumento di comunicazione e condivisione dell’umanità che, in un particolare percorso “Mediterraneo”, ci permettono di attraversare la violenza dell’essere umano che ha trovato in Bosnia, Palestina, Siria ed altri luoghi  l’espressione della sua più grande efferatezza: di ciò sono testimonianza le Mostre Bosnia, per non dimenticare e Sofferenza e Speranza nel mondo allestite all’interno del Museo.

Allo stesso tempo simboli che invitano all’incontro e alla speranza compaiono nelle terre della desolazione e del silenzio: Il Presepe di Ferrigno, la mostra Un Mare, tre Fedi, la Pace e L’ultima Cena napoletana fanno parte del patrimonio  espositivo del Museo.

Intorno al Totem della Pace ed alle altre opere di Mario Molinari, scultore del colore, accompagnano il solitario percorso di libertà Il Mondo Onirico di John Crown e la voglia di partecipazione e riconoscimento delle donne del Mediterraneo nella Mostra Stracciando i veli, donne artiste del Mondo Islamico.
Il Fado, il Flamenco, il Tango, il Sirtaki, il Canto di Napoli, le Grandi Opere liriche, la Musica Araba ed i Classici di tutti i tempi catturano il visitatore con la perfezione acustica della “Music Hall” del Museo.
Particolare significato assume la sezione dedicata a Pino Daniele.
Il calore della natura mediterranea e la consapevolezza di doverne preservare la memoria, la ricchezza e la fertilità trovano nella "Sezione Architettura" – con le presenze di Alvaro Siza, Pica Ciamarra Associati, Vittorio Di Pace, Nicola Pagliara, Marco Introini ed altri - e nelle Voci dei Migranti un ulteriore e raffinato punto di forza.
Le opere di Pietro e Rino Volpe tracciano segni mediterranei in cui la cultura e la letteratura si mescolano con la creatività costituendo una collezione unica.
Un insieme di video al altissima definizione sui siti più significativi della Regione Campania accoglierà i crocieristi ed i visitatori in tutto l'edificio: unico nel suo genere l'info point al piano terra prospiciente sulla piazza Municipio.

Il MAMT è, inoltre, un articolato sistema di servizi nel cuore della città di Napoli: la biblioteca, l’emeroteca, la music hall, le sale convegni, i ristoranti, l’Euromedcafé, le residenze e il book‑shop accolgono il visitatore con simpatia e calore: del Mediterraneo!

Grande entusiasmo tra i ragazzi del GIFFONI FILM FESTIVAL 2021 in visita al Museo della PaceMAMT, patrimonio “emozionale” dell’umanità. Accompagnati dal presidente Michele Capasso e dalle guide – nel pieno rispetto delle regole Covid 19 – hanno visitato i principali percorsi emozionali: da “VOCI DEI MIGRANTI” a “UN MARE TRE FEDI”, dall’”ANTICO EGITTO” ai “PRESEPI”, da “IL MEDITERRANEO DELLE EMOZIONI” a “PINO DANIELE ALIVE”.
Di particolare interesse l’antica Moschea, la Sinagoga, la Sfinge e tutti i video emozionali su “LA CAMPANIA DELLE EMOZIONI”.
Grande entusiasmo per la sezione “PINO DANIELE ALIVE”.
La visita è stata organizzata nell’ambito del progetto “SEDICI MODI DI DIRE CIAO” (2018 - PAN – 02172).

Leggi tutto: ...

Studenti e docenti del Conservatorio “Giuseppe Verdi” di Milano hanno visitato il Museo della Pace - MAMT nel rispetto delle normative Covid 19.
Accompagnati dal presidente Michele Capasso e dalle guide del Museo hanno espresso stupore ed apprezzamento per uno spazio da loro definito “Luogo di bontà”. A conclusione della visita si sono esibiti suonando brani di Pino Daniele al pianoforte.

Leggi tutto: ...

Grande entusiasmo tra i ragazzi del GIFFONI FILM FESTIVAL 2021 in visita alla sezione del Museo della PaceMAMT dedicata a Mario Molinari, lo scultore del colore.
Di grande interesse l’opera in rame “Egiziana”, il “Totem della Pace” e la Casa Museo Molinari di Torino.
Con il motto “volgiamo vivere a colori” i ragazzi hanno lasciato il museo sperando di poter visitare la Casa Museo di Torino per continuare il percorso emozionale dedicato al grande scultore.

Leggi tutto: ...

É stato sottoscritto un protocollo pluriennale d'intesa tra la famiglia Molinari e la Fondazione Mediterraneo con il quale la "CASA MUSEO MOLINARI" in Torino diventa patrimonio emozionale del Museo della Pace - MAMT, aggiungendosi alla rete dei percorsi emozionali: da PINO DANIELE alle VOCI DEI MIGRANTI, da UN MARE TRE FEDI a IL MEDITERRANEO DELLE  EMOZIONI, da MEMORIE a LEGALITA’ E GIUSTIZIA.
Il Consiglio Direttivo ed il Comitato Internazionale hanno ripercorso le tappe principali di un iter che parte dal 1997 con il "Totem della Pace" diffuso in vari paesi fin ad oggi con la realizzazione degli Stati Uniti del Mondo il cui simbolo è il "Totem della Pace" di Molinari.
La Fondazione assicurerà la collaborazione con la "CASA MUSEO MOLINARI" anche per il mantenimento del decoro dell'edificio in cui si trova.
L'edificio fu realizzato dall'arch. Fenoglio dove il Comune di Torino nel 2012 ha dedicato una targa a Mario Molinari e, di recente, una piazza di prossima realizzazione nel quartiere San Salvario.

Leggi tutto: ...

Il percorso emozionale del Museo della Pace - MAMT dedicato alle vittime di tutte le mafie oggi ricorda Borsellino e Falcone a 29 anni dalla strage di via D'amelio. Nell'esplosione rimasero uccisi anche i 5 agenti della sua scorta.

Leggi tutto: ...

La Rai nel Tg delle ore 14.00 ha trasmesso un servizio sulla sezione del Museo della Pace MAMT "Pino Daniele Alive" realizzato congiuntamente con la "Pino Daniele Trust Onlus". Il servizio è stato realizzato da Fabio D'Alfonzo.

Leggi tutto: ...

Il Museo della Pace MAMT ha celebrato la “Domenica del mare” con la celebrazione della Santa Messa dedicata ai migranti morti nel mare. In precedenza è stato reso omaggio al “TOTEM DELLAPACE” con l’urna del migrante ignoto nel porto di Napoli.
Ogni anno l’11 luglio è l’occasione per ricordare gli 1,7 milioni di lavoratori dell’industria marittima, ma anche i tanti cappellani e volontari della “Stella Maris” che continuano ad offrire il loro supporto, ad ogni latitudine.
“Il mondo si è fermato, ma le navi non hanno mai smesso di trasportare da un porto all’altro attrezzature mediche e medicinali essenziali per sostenere la lotta contro la diffusione del virus”, ha ricordato il cardinale Peter K.A. Turkson, Prefetto del Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale, nel Messaggio per la Giornata.
La Giornata è nata in Inghilterra nel 1975 per iniziativa dell’Apostolato del Mare, della Mission to Seafarers e della Sailors’ Society, ma ha poi assunto una dimensione internazionale ed ecumenica. In Italia è stata celebrata in modo particolare a Savona, con la Santa Messa trasmessa in diretta su RaiUno e sui grandi videowall del Museo.
Papa Francesco, nell’Angelus dall’Ospedale Gemelli, ha ricordato l’importanza del mare come luogo di solidarietà e d’amore.
In questa occasione la Fondazione Mediterraneo ha inviato una lettera al Ministro per la Transizione Ecologica professore Roberto Cingolani richiedendo l’istituzione di una “Cabina di regia” per una governance integrata dei temi legati al mare e l’elaborazione di strategie mirate per la sua tutela.

Leggi tutto: ...

In occasione della “Giornata internazionale del rifugiato” al Museo della Pace MAMT la Fondazione Mediterraneo ha ricordato 30 anni di attività in favore dei migranti e dei rifugiati.
Molti studenti delle scuole napoletane e della provincia – nel rispetto delle regole COvid 19 – hanno visitato il percorso “Voci dei Migranti” e commentato le testimonianze più toccanti ed emozionanti.
Il presidente Michele Capasso ha affermato:
Questa Giornata è più sentita che mai per l’arrivo in Italia di tanti rifugiati provenienti da Siria, Eritrea, Somalia ed Etiopia in transito verso altri Paesi europei alla ricerca di un futuro. Persone in fuga dalle guerre e delle persecuzioni che portano la propria vita qui, per averla una vita. Le storie di rifugiati appartengono alla nostra cultura e perquesto il Museo della Pace MAMT ha realizzato un percorso emozionale a loro dedicato: per non dimenticare !”.

Leggi tutto: ...