Maison de la Paix || Casa Universale delle Culture

CASA UNIVERSALE DELLE CULTURE

La Maison de la Paix - Casa Universale delle Culture è un luogo altamente rappresentativo, in cui trasmettere la conoscenza delle diverse identità e culture del mondo, strutturando permanentemente iniziative in grado di produrre la pace necessaria per lo sviluppo condiviso.

La Maison de la Paix - Casa Universale delle Culture (MdP) è un progetto ideato da Michele Capasso, al quale hanno aderito i principali Paesi del mondo ed organismi internazionali. E' un’architettura in cui viene custodita la memoria delle molteplici iniziative di Pace che hanno caratterizzato la storia, spesso più delle guerre, ma – soprattutto – uno spazio in cui “costruire” la Pace.

Il complesso architettonico ha un valore simbolico importante: rappresenta, infatti, i Paesi del mondo impegnati nel processo di pace, unitamente ai Paesi vittime dei conflitti.

Proposto dalla Fondazione Mediterraneo con la Maison des Alliances – insieme ai principali organismi aderenti, quali l’Assemblea Parlamentare del Mediterraneo, la Lega degli Stati Arabi, la Fondazione Euromediterranea Anna Lindh ed altri, la MdP costituisce un punto di riferimento per tutti coloro che intendono abbracciare la pace.

Il suo simbolo è il "Totem della Pace" dello scultore Mario Molinari che la Fondazione Mediterraneo sta diffondendo in tutto il mondo, costituendo la rete delle "Città per la Pace".

La prima sede della MdP è stata inaugurata il 14 giugno 2010 (Nasce la Maison de la Paix - Casa Universale delle Culture) nello storico edificio del Grand Hotel de Londres a Napoli.

L'azione della Maison de la Paix - Casa Universale delle Culture è finalizzata a valorizzare le iniziative principali del "Forum Universale delle Culture" di: Barcellona (2004), Monterrey (2007), Valparaiso (2010) e Napoli (2013).

La Maison de la Paix svolge la maggior parte delle iniziative congiuntamente con la Maison de la Méditerranée.

 

Si è svolta a Bucarest  la XIIa Sessione Plenaria dell'APM - Assemblea Parlamentare del Mediterraneo.
Anche quest’anno molteplici sono stati i temi trattati: dal contrasto all’ evolversi del terrorismo agli sviluppi politici e di sicurezza nella regione MENA, dalla facilitazione degli scambi e degli investimenti ai cambiamenti climatici, dai diritti umani e migrazione alla tutela dei beni culturali.
Di grande importanza la presenza delle tante delegazioni dei paesi membri, dalla Francia all’Italia, dalla Palestina ad Israele e poi Grecia, Turchia, Cipro, Egitto, Siria, Algeria, Tunisia, Marocco, Serbia, Croazia, Bosnia, Portogallo Giordania... e di San Marino, che da questa sessione è ufficialmente entrata a far parte di questa grande organizzazione. Non meno importante il contributo apportato degli Stati Associati come Santa Sede, Ordine di Malta e Russia e quello dei tanti ospiti quali il Ministro degli Esteri della Libia, alti funzionari delle NU e rappresentanti di altre Organizzazioni Internazionali. 
I lavori della sessione sono stati aperti dagli interventi dei Presidenti di Camera e Senato e dal Ministro degli Esteri della Romania e dai messaggi di S. S. Papa Francesco e del Segretario Generale dell’ONU Antonio Guterres.
La Fondazione Mediterraneo, primo membro osservatore dell'APM - ideata a Napoli nella sede della Fondazione - ha apportato il trentennale contributo per il dialogo e la pace.

Leggi tutto: ...

Il presidente Michele Capasso, i membri del Consiglio Direttivo e del Comitato Scientifico Internazionale, i rappresentanti delle Sezioni autonome e delle sedi distaccate, esprimono profondo cordoglio per la morte del prof. Giuseppe Galasso: con Gerardo Marotta, Raffaele La Capria e tanti altri membro prestigioso del Comitato Scientifico Internazionale della Fondazione Mediterraneo.
Sin dall'inizio delle attività della Fondazione nacque una collaborazione profonda fondata su comuni ideali e sul rispetto di valori intramontabili come quelli che furono alla base del glorioso Risorgimento italiano.
Un patrimonio comune unico fatto di iniziative e conferenze: la grande testimonianza della visione di un uomo, Giuseppe Galasso, che ha saputo restituire a Napoli il ruolo di grande capitale nella Storia e nella Vita.

Leggi tutto: ...

In occasione del World Peace Forum che si svolgerà a Napoli nel 2019 la Fondazione Mediterraneo annuncia in contemporanea lo svolgimento della XII° Edizione del "Concerto per la Pace".
Parteciperanno artisti di vari Paesi come accadde nel 2010 in occasione del Concerto la Teatro San Carlo.

Leggi tutto: ...

Il presidente della Turchia Recep Tayyp Erdoğan è in visita a Roma per un solo giorno: con moglie, figlia ed alcuni ministri.
Ha incontrato Papa Francesco, il presidente Sergio Mattarella, il premier Paolo Gentiloni ed alcuni imprenditori che operano in Turchia. Contrastanti le valutazioni tra proteste, speranze e misure di sicurezza eccezionali.
Sul tappeto i problemi di sempre: diritti umani, guerra con i Curdi, contrasto alla laicità dello Stato e via per un lungo elenco.
“Una lunga serie di occasioni perdute - commenta il presidente della Fondazione Mediterraneo Michele Capasso, che con il presidente Erdoğan ha avuto numerosi incontri a partire dal 2005 - che avrebbero potuto incidere sul processo della nostra storia. Quando il presidente Erdoğan venne a Napoli presso la sede della nostra Fondazione nel settembre 2005 (accompagnato da molti ministri ed in presenza dei massimi rappresentati delle istituzioni europee) chiese la collaborazione alla Fondazione per una rapida adesione della Turchia all’Unione europea. In quella occasione elencammo una serie di priorità e dettagliammo le cose da fare: a partire dai diritti umani, dalle donne, dal rispetto delle diverse culture e via per un elenco di 20 punti contenuti nel nostro programma “Grande Mediterraneo” che lo stesso Erdoğan allora apprezzò (ved. intervista a “IL MATTINO”). Nessuna di quelle raccomandazioni è stata poi realizzata. A conclusione di quell’incontro ed in altri svoltisi negli anni successivi fino al 2015 allertammo il presidente Erdoğan sul rischio di una deriva autoritaria che avrebbe potuto stravolgere il processo democratico e l’adesione della Turchia all’UE. I fatti degli ultimi anni ci hanno dato ragione”.

Leggi tutto: ...

La Fondazione Mediterraneo ha collaborato ed ospitato al Museo della PaceMAMT il Corso di perfezionamento “Nutrizione, bellezza e benessere”.
Presieduto dai proff. B. Guida e L. Scaramuzzino il Corso si è svolto sotto la direzione scientifica della dott.ssa Adriana Carotenuto ed ha visto interventi di specialisti multidisciplinari che hanno arricchito i contenuti  attraverso puntuali esposizioni visibili nei link sotto riportati.

Leggi tutto: ...

La Fondazione Mediterraneo nel corso dell'incontro internazionale "La Cultura della Pace per la Sicurezza delle Future Generazioni" ha ribadito la necessità della risoluzione del conflitto Israelo-Palestinese secondo lo schema di "Due Popoli in Due Stati" e Gerusalemme capitale condivisa.
In questa occasione il presidente Capasso ha ricordato la trentennale attività della Fondazione Mediterraneo per la risoluzione del conflitto sottolineando l'importanza degli appelli lanciati e dei risultati degli incontri e delle visite presso la sede di Napoli della Fondazione Mediterraneo con i presidenti Arafat, Abu Mazen e Peres.

Leggi tutto: ...

Si è svolta a Roma l'incontro internazionale "La Cultura della Pace per la Sicurezza delle Future Generazioni" organizzato dalla Abdulaziz Saud Al-Babtain Cultural Foundation in collaborazione con la Fondazione Mediterraneo ed altre istituzioni internazionali tra le quali:

  • EIUC, European Inter-University Centre for Human Rights and Democratisation;
  • CeAS, Per l'Europa dei Popoli e la Pace nel Mondo - Università Roma 3;
  • IPI, International Peace Institute;
  • Fondation du Dialogue Sud-Nord Méditerranée
  • SIOI, Società Italiana per l'Organizzazione Internazionale;

Tra gli interventi:

  • Abdulaziz Saud Al-Babtain, Presidente dell'Abdulaziz Saud Al-Babtain Cultural Foundation;
  • Charles Ferdinand Nothomb, Presidente della Fondation du Dialogue Sud-Nord Méditerranée;
  • Terje Red Larsen, Presidente dell'IPI;
  • Michele Capasso, Presidente della Fondazione Mediterraneo;
  • George Ulrich, Direttore Generale dell'EIUC;
  • Luigi Moccia; presidente del CeAS.

In questa occasione il presidente Capasso ha offerto la sede della Fondazione Mediterraneo e del Museo della Pace - MAMT quale sede operativa della Abdulaziz Saud Al-Babtain Cultural Foundation dedicata all'educazione alla Pace per i ragazzi a partire dai 6 anni di età: un emergenza epocale che richiede il massimo impegno per iniettare i valori e gli strumenti per la pace gia ai bambini che si affacciano alla vita".

Leggi tutto: ...

La conferenza internazionale ASAR sulla gestione aziendale, economica, scienze sociali e umanistiche (ICBMESSH), si è svolta a Istanbul il  23 gennaio 2018. ICBMESSH 2018 è ospitata da ASAR-India. La conferenza ICBMESSH ha offerto una traccia di aggiornamenti qualitativi di R & S da parte di esperti chiave ed ha fornito un'opportunità per introdurre nuove tecniche e nuovi  orizzonti che contribuiranno ai progressi in Economia Aziendale, Economia, Scienze Sociali e Scienze Umane nei prossimi anni. Tutti i documenti presentati sono stati sottoposti a revisione paritetica e saranno pubblicati.
La Fondazione Mediterraneo ha partecipato a questa importante iniziativa.

Leggi tutto: ...