WORLD PEACE FORUM

Il World Peace Forum (WPF) si pone come luogo di incontro per analizzare le problematiche alla base dei conflitti e per individuare le migliori strategie per consolidare una coalizione di valori e di interessi condivisi in grado di assicurare la PACE ed uno sviluppo sostenibile.
Il WPF coinvolge i principali esponenti politici, economici, religiosi, culturali e sociali delle diverse società allo scopo di analizzare le cause dei conflitti e riformare i programmi globali e regionali affinché sia assicurata e costruita una PACE durevole con una equa distribuzione delle risorse ed il rispetto dei diritti fondamentali della persona umana: in modo particolare delle donne e dei giovani.

La Fondazione Mediterraneo è intervenuta al meeting internazionale organizzato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri e che ha visto la partecipazione di relatori di vari paesi.
Numerose le tematiche affrontate con l’obiettivo di restituire allo sport un ruolo essenziale nel processo di coesione sociale.
Per la Fondazione è intervenuta quale relatrice Giusi Badalamenti che haportato i saluti del presidente Capasso e presentato la trentennale attività della Fondazione ed il prossimo World Peace Forum che avrà quale tema portante proprio “Lo sport strumento per la pace”.

Leggi tutto: ...

Il settimo World Peace Forum per il dialogo interreligioso è stato organizzato in collaborazione con l'Ufficio dell'inviato speciale presidenziale per il dialogo interreligioso  e la cooperazione della Repubblica di Indonesia e su un importante tema, "La via di mezzo per la nuova società civile".
L’obiettivo è  rispondere alla situazione attuale in cui la crisi della civiltà si sta verificando in molte parti del mondo ed è radicata nel sistema del mondo dinamico che pone l'interesse umano come l'unico scopo diventando un oggetto stesso  dello sfruttamento umano. Questa situazione ha creato molti problemi come il cambiamento climatico, l'insicurezza alimentare, la scarsità di energia, i disastri naturali, la guerra e la crisi economica e finanziaria. Ciò ha anche incoraggiato l'emergere del secolarismo e dell'estremismo, che sono diventati un'ideologia dominante nel mondo e, allo stesso tempo, il mondo sta vivendo anche un disordine complessivo: dal globale al locale, dai conflitti etnici alle guerre.
Indubbiamente, il nostro mondo ha bisogno di un nuovo approccio per promuovere la pace nel mondo. In questo frangente, il Forum di Jakarta ha discusso di questo nuovo approccio, vale a dire la “Via di mezzo”.
Come rinnovare la scienza di applicazione ai tempi attuali di questa virtù universale del “giusto mezzo”? Questo è stato il tema principale del 7° World Peace Forum sul dialogo interreligioso, riunitosi a Jakarta dal 14 al 16 agosto scorsi, al quale hanno partecipato 43 paesi con guide religiose, accademici e pensatori, studiosi e attivisti.
La Fondazione sostiene questa iniziativa, anche in vita del World Peace Forum in programma a Napoli nel luglio 2019 che è stato presentato in questa occasione.

Leggi tutto: ...