Italian - ItalyFrench (Fr)English (United Kingdom)

OMCOM – Osservatorio Mediterraneo sulle Mafie

OMCOM – OSSERVATORIO MEDITERRANEO SULLA CRIMINALITÀ ORGANIZZATA E LE MAFIE

La Fondazione Mediterraneo e la Fondazione Antonino Caponnetto hanno costituito l’OMCOM – OSSERVATORIO MEDITERRANEO SULLA CRIMINALITÀ ORGANIZZATA E LE MAFIE – che si pone come obiettivi il monitoraggio e l’analisi di quanto succede nei paesi dell’area mediterranea affrontando con una visione geopolitica le problematiche criminali organizzate e mafiose. Compito dell’Omcom è anche quello di formare gli addetti ai lavori per metterli in grado di leggere le infiltrazioni presenti sul territorio e di informare le opinioni pubbliche del mediterraneo sui pericoli che tali infiltrazioni comportano.

Il nostro blog

AL MUSEO MAMT FALCONE E BORSELLINO: 25 ANNI DOPO PER NON DIMENTICARE

Imprimer
PDF

Il percorso emozionale del Museo della Pace - MAMT dedicato alle vittime di tutte le mafie oggi ricorda Falcone e Borsellino a 25 anni dalla strage di Capaci.
In collaborazione con l'OMCOM (Osservatorio Mediterraneo sulla Criminalità Organizzata e le Mafie) e la Fondazione Caponnetto si ripercorrono gli anni del pool antimafia fino all'uccisione dei due magistrati 
Noi li ricordiamo scherzosi con Nino Caponnetto: 3 Grandi Uomini dediti al BENE COMUNE.

Lire la suite...

LOTTA ALLE MAFIE. MAGISTRATI E CANTANTI IN CAMPO PER LA LEGALITÀ

Imprimer
PDF

Da San Luca, piccolo paese alle pendici dell'Aspromonte, parte un messaggio di speranza nella battaglia in favore della legalità e contro la criminalità con l'iniziativa "In campo per il futuro”,  che rappresenta l'epilogo di un'intensa attività nelle scuole della provincia reggina andata avanti per tutto l'anno con incontri tra studenti e magistrati e che si è concretizzata con l'inaugurazione del nuovo stadio del paese. Un gesto simbolico, certo, che rappresenta un segnale ben preciso dice il sottosegretario Boschi: "Lo stato e le istituzioni ci sono, qui a San Luca, e ovunque. Non ci sono territori in cui lo Stato rinunci a esserci e a combattere una battaglia di legalità contro la 'ndrangheta".
Un messaggio ripreso e ribadito pressoché in coro da tutti gli intervenuti al dibattito in una scuola di San Luca che ha fatto da prologo all'inaugurazione del campo di calcio con la partita tra la nazionale cantanti e quella dei magistrati (per la cronaca vinta dai cantanti 4-3): a parlare sono stati il vice presidente del Csm Giovanni Legnini, il procuratore nazionale antimafia Franco Roberti, il segretario della Cei Nunzio Galantino, i procuratori di Reggio Calabria e Catanzaro Federico Cafiero de Raho e Nicola Gratteri. Tutti concordi nel sottolineare la presenza costante della squadra-Stato sul territorio ma anche la necessità di una collaborazione della popolazione. "Siamo qui oggi - è stato il messaggio ai ragazzi - per dire che le cose possono cambiare, anche a San Luca. Vogliamo costruire un paese diverso ma per farlo abbiamo bisogno di voi".
Molti i rappresentanti della “Federazione Anna Lindh Italia” partecipanti. Il presidente Capasso ha sottolineato il ruolo svolto dall’OMCOM (l’Osservatorio mediterraneo sulla criminalità organizzata e le mafie costituito con la Fondazione Caponnetto) ed il messaggio di Nino Caponnetto che sottolineava come “la mafia tema di più la cultura che la giustizia”. Di qui il ruolo importante della scuola affinché i giovani possano combattere le mafie, “cancro che corrode il futuro”.

Lire la suite...

ANALYSE DE SALVATORE CALLERI (OMCOM) SUR LE TERRORISME ET LE DJIHADISME

Imprimer
PDF

"Dans ces événements internationaux dont l'attention est dirigée vers le contraste des mouvements terroristes type djihadiste, nous devons nous efforcer de maintenir une surveillance à 360 degré remarquable de ce qui se passe autour»: ainsi commence l'analyse de Salvatore Calleri - Président de la Fondation Caponnetto et Observatoire Méditerranéen sur le Crime organisé et les mafias.

Lire la suite...

STRAGE DI BERLINO, NECESSARIO SPAZIO COMUNE EUROPEO ANTITERRORISMO

Imprimer
PDF

Strage di Berlino. Un’altra strage. Un’altra capitale europea. Un’altra iniziativa terrorista. A Berlino si è colpita ancora una volta la vita nei suoi momenti più belli e significativi, che caratterizzano l’identità di un Paese. Il 14 luglio a Nizza, adesso Berlino. Sì, quella piazzetta è famosissima nel mondo per il mercatino di Natale.
Ho un ricordo vivo di quando anni fa mi trovavo proprio lì, durante una visita a Berlino dei ristoratori italiani che si ribellavano al pizzo imposto da mafiosi.
Oggi come ieri le famiglie si affollano per le bancarelle. I regalini, i personaggi del presepe, gli oggetti dell’artigianato! Bambini, persone innamorate, giovani pieni di energia, anziani saggi, turisti di tutto il mondo. Molti italiani che vivono e studiano nella capitale tedesca. La classifica vita! Una serata a Berlino!
Il Camion irrompe e spazza via tutto. Non frena, uccide, ferisce, getta nello strazio e nel dolore un intero Paese, il mondo, l’Europa. Già l’Europa! Non mi stanco di ripeterlo. La sola via nazionale alla sicurezza antiterrorismo è doverosa ma non basta. Si pensava che solo la Francia avesse un suo sistema impreparato e superato. Forse, ma la Germania? In sostanza, la sicurezza nazionale non è sufficiente nella prevenzione degli attacchi dei terroristi di Daesh.
È necessario, più che mai, fare il passaggio alla costruzione di un vero ed operativo spazio comune europeo antiterrorismo e antimafia … . E’ una strada difficile da intraprendere. Storie e interessi nazionale resistono in tutti i modi. Ma così è uno stillicidio che mette in pericolo tutte le “provinciali” capitali europee.
Noi italiani stavolta spingiamo dal lato giusto. Siamo il Paese meglio organizzato, ma sappiamo anche che il salto di qualità lo si può fare solo a livello Europeo con una intelligence, una polizia specializzata e una procura altrettanto comune.
Certo, l’Europa così com’è non ha nessuna capacità di spingere i Paesi a fare scelte in tale direzione. È un’Europa in declino, all’interno e all’esterno. Ma proprio in questo travagliato momento storico va  decisa la costruzione degli Stati Uniti d’Europa.
In Turchia si uccide l’ambasciatore Russo. In Medio Oriente la guerra infuria. Ad Aleppo le immagini che ci giungono la dicono lunga sulla tragedia che si sta consumando. C’è bisogno, c’è lo spazio, c’è la possibilità di pensare e realizzare gli Stati Uniti d’Europa. Prima si procede è meglio è per tutti noi e per la stessa umanità.

Lire la suite...

XXII° VERTICE NAZIONALE ANTIMAFIA

Imprimer
PDF

Si è svolto a Firenze il "XXII° Vertice Nazionale Antimafia" organizzato dalla Fondazione Caponnetto in collaborazione con la Fondazione Mediterraneo, l'OMCOM, la "Federazione Anna Lindh Italia - Onlus" ed il Comune di Bagno a Ripoli.
Il tema di quest'anno è "NO A MAFIA E TERRORISMO, CON GLI STATI UNITI D'EUROPA UN CAMBIO DI STRATEGIA NEL CONTRASTO".
Tra gli interventi quelli dei senatori Giuseppe Lumia e Mario Giarrusso, i magistrati Giuseppe Lombardo, Catello Maresca, il procuratore Pietro Suchan, il colonnello Giorgio Giombetti, i giornalisti Paolo Borrometi, Martin De Sà Pinto ed altri. Il presidente della Fondazione Caponnetto Salvatore Calleri ha sottolineato l'attualità del vertice voluto da Antonino Caponnetto proprio per "tenere alta la guardia" contro le mafie, la criminalità organizzata ed il terrorismo che si sviluppa con estrema velocità adeguandosi al mutare dei tempi.
Il presidente della Fondazione Mediterraneo Michele Capasso ha richiamato l'attenzione sul ruolo dell'Europa e sulla mancata costituzione degli "Stati Uniti d'Europa" ricordando l'impegno delle attività della Fondazione Mediterraneo su questo tema sin dal 1994.
I lavori sono stati conclusi dal Presidente del Senato Pietro Grasso che ha lanciato un appello affinchè i movimenti antimafia non muoiano rendendo merito alla Fondazione Caponnetto per l'impegno profuso e per costituirsi sempre più quale punto di riferimento contro le mafie, specialmente attraverso L'OMCOM - Osservatorio Mediterraneo sulla Criminalità Organizzata e la Mafia costituitosi congiuntamente con la Fondazione Mediterraneo.
"L'Europa Unita contro la criminalità Unita" è uno degli slogan del vertice.

Lire la suite...