Italian - ItalyFrench (Fr)English (United Kingdom)

Anna Lindh Fondation Réseau Italien


Réseau Italien de la Fondation Euro-méditerranéenne "Anna Lindh" pour le Dialogue entre les Cultures

La Fondation Euro-méditerranéenne "Anna Lindh" pour le Dialogue entre les Cultures (FAL) est une organisation unoque dans son genre, créée par l'Union européenne et les Pays Partenaires méditerranéens dans la cadre de l'Unione pour la Méditerranée. C'est un réseau de réseaux d'organismes de la Société Civile et des Institutions (Universités, Collectivités locales, etc.).

 

La Fondazione Mediterraneo est Chef de File du Réseau Italien

Notre rôle est celui de connexion entre les différents membres qui agissent activement pour la promotion du dialogue entre les cultures, en favorisant la visibilité et l'action du Partenariat Euro-méditerranéen au niveau national et international.


I PARTECIPANTI ALL’AZIONE KIMIYYA PLAUDONO MICHELE CAPASSO DEFINENDOLO “PAPA’ DELLA FONDAZIONE ANNA LINDH”

Imprimer
PDF

I membri del CdP dell’azione interrete Kimiyya – Capofila delle Reti Nazionali della Fondazione Anna Lindh (FAL) provenienti da Albania, Algeria, Bosnia-Erzegovina, Francia, Lituania, Malta, Repubblica Ceca, Lituania, Slovenia, Spagna, Tunisia – hanno reso omaggio a Michele Capasso, tra i fondatori della FAL – per l’immutata passione, la generosità e l’accoglienza che riserva in ogni occasione per gli eventi FAL.

Lire la suite...

I CAPOFILA DI 12 RETI NAZIONALI DELLA FONDAZIONE ANNA LINDH IN VISITA AL MUSEO DELLA PACE ED AL CENTRO DOCUMENTAZIONE ALF

Imprimer
PDF

I Capofila delle Reti nazionali di Francia, Spagna, Malta, Algeria, Albania, Slovenia, Bosnia-Herzegovina, Mauritania, Tunisia, Lituania, Repubblica Ceca hanno visitato il Museo della PaceMAMT esprimendo grande apprezzamento per  questa iniziativa e per l’impegno del presidente Capasso nel costituire e sostenere la Fondazione Anna Lindh.

Lire la suite...

I CAPOFILA DELLE RETI NAZIONALI FAL DI ITALIA, SLOVENIA, TUNISIA E REPUBBLICA CECA PRESENTANO AD ALTRI CAPOFILA I PROGETTI INTERRETE

Imprimer
PDF

In occasione del Comité de Pilotage dell’azione interrete “KIMIYYA” i Capofila di Tunisia, Repubblica Ceca, Slovenia e Italia hanno presentato i rispettivi progetti interrete ad altri capofila ed alla stampa e precisamente:

  • KIMIYYA (Italia)
  • INTERCULTURAL CITIES (Slovenia)
  • BE Effective! (Repubblica Ceca)
  • INTERCULTURAL ART EXPRESSION IN FRAGILE ZONES (Tunisia)

In questa occasione è stato concordato di riunire tutte le esperienze nel grande progetto “KIMIYYA” e di presentarle a conclusione della conferenza internazionale che si svolgerà a Napoli dal 12 al 15 settembre 2017.

Lire la suite...

RIUNIONE DEL COMITE DE PILOTAGE DELL’AZIONE INTERRETE FAL “KIMIYYA.LE DONNE ATTRICI DEL DIALOGO”

Imprimer
PDF

Si è svolta a Napoli dal 12 al 16 luglio 2017 la riunione del “Comité de Pilotage” dell’azione interrete della FAL “KIMIYYA. LE DONNE ATTRCI DEL DIALOGO”, coordinata dalla Fondazione Mediterraneo, Capofila della Rete Italiana.
In questa occasione, nel ribadire l’importanza di questa iniziativa che si concluderà con una conferenza internazionale a Napoli dal 11 al 14 settembre con la partecipazione dei 42 Capofila FAL, è stato stabilito il programma  con le iniziative di visibilità e moltiplicazione dei risultati anche a favore degli altri progetti interreti.
La Fondazione Mediterraneo ha espresso il compiacimento per questa produttiva riunione felice di aver consentito l’allargamento (non previsto) del numero dei partecipanti a 12 capofila.
Adottato all’unanimità il logo di Kimiyya di Molinari apprezzato da tutti i membri.

Lire la suite...

KIMIYYA: DONNE, GELATO E SOLIDARIETÀ

Imprimer
PDF

I membri del CdP dell’azione interreteKimiyya - provenienti da Albania, Algeria, Bosnia-Erzegovina, Francia, Italia, Lituania, Malta, Repubblica Ceca, Lituania, Slovenia, Spagna, Tunisia - hanno espresso la propria solidarietà ai titolari dello storico “Chalet Ciro a Mergellina”,  auspicando in una rapida legittima soluzione della problematica in essere con il Comune di Napoli ed inerente la possibilità di posizionare i tavolini sulle aree pubbliche.

Lire la suite...