Italian - ItalyFrench (Fr)English (United Kingdom)

Maison de la Paix

CASA UNIVERSALE DELLE CULTURE

La Maison de la Paix - Casa Universale delle Culture è un luogo altamente rappresentativo, in cui trasmettere la conoscenza delle diverse identità e culture del mondo, strutturando permanentemente iniziative in grado di produrre la pace necessaria per lo sviluppo condiviso.

La Maison de la Paix - Casa Universale delle Culture (MdP) è un progetto ideato da Michele Capasso, al quale hanno aderito i principali Paesi del mondo ed organismi internazionali. E' un’architettura in cui viene custodita la memoria delle molteplici iniziative di Pace che hanno caratterizzato la storia, spesso più delle guerre, ma – soprattutto – uno spazio in cui “costruire” la Pace.

Il complesso architettonico ha un valore simbolico importante: rappresenta, infatti, i Paesi del mondo impegnati nel processo di pace, unitamente ai Paesi vittime dei conflitti.

Proposto dalla Fondazione Mediterraneo con la Maison des Alliances – insieme ai principali organismi aderenti, quali l’Assemblea Parlamentare del Mediterraneo, la Lega degli Stati Arabi, la Fondazione Euromediterranea Anna Lindh ed altri, la MdP costituisce un punto di riferimento per tutti coloro che intendono abbracciare la pace.

Il suo simbolo è il "Totem della Pace" dello scultore Mario Molinari che la Fondazione Mediterraneo sta diffondendo in tutto il mondo, costituendo la rete delle "Città per la Pace".

La prima sede della MdP è stata inaugurata il 14 giugno 2010 (Nasce la Maison de la Paix - Casa Universale delle Culture) nello storico edificio del Grand Hotel de Londres a Napoli.

L'azione della Maison de la Paix - Casa Universale delle Culture è finalizzata a valorizzare le iniziative principali del "Forum Universale delle Culture" di: Barcellona (2004), Monterrey (2007), Valparaiso (2010) e Napoli (2013).

NAPOLI PROTAGONISTA DEL LIBRO DI ANDREU CLARET “VENJANÇA” (VENDETTA)

Stampa
PDF

Il presidente Michele Capasso ha trascorso una giornata in compagnia di Andreu Claret: un grande amico con cui ha condiviso trent’anni di passione per il Mediterraneo, per il Dialogo e per la Pace.
In questa occasione Claret ha dedicato a Capasso il suo ultimo libro “Venjança” (Vendetta) ambientato anche a Napoli.
È un “giallo” storico che racconta la storia di un’americana che si imbatte in un ipotetico documento di Ipazia, (in greco antico: Ὑπατία, Hypatía, in latino: Hypatia; Alessandria d'Egitto, 355/370 – Alessandria d'Egitto, marzo 415): è stata una matematica, astronoma e filosofa greca antica e rappresentante della filosofia neo-platonica, la sua uccisione da parte di una folla di cristiani in tumulto, per alcuni autori composta di monaci detti parabolani, l'ha resa una «martire della libertà di pensiero».
Napoli è presente con una tappa del thriller che si svolge tra la Biblioteca Nazionale e l’Hotel Mediterraneo e con tante, tante sorprese…
Un grazie di cuore a Michele Capasso nella dedica apposta sul libro “per aver contribuito alla conoscenza del Mediterraneo e di Napoli”.

 

Leggi tutto...

BARCELLONA, ESEMPIO DI CIVISMO E SENSO DEL BENE COMUNE

Stampa
PDF

Dopo aver partecipato alle cerimonie per la Festa della Repubblica Italiana in Barcellona, il presidente Capasso ha trascorso molte ore viaggiando per la città con tutti i trasporti pubblici disponbili: autobus, tram, metro, taxi, funivia, biciletts, battelli, motoretta.
Dalle periferie più popolari al centro colpisce il senso civico e la cura per la città: strade pulite, mezzi pubblici moderni e intatti, giardini curati e perfino i prati su cui per chilometri scivola il tram veloce (con accesso "semplice" per i portatori di handicup) ben curati e verdeggianti.
Un senso di ordine e cura che conferma il ruolo di grande capitale europea e mediterranea di Barcellona.
Il presidente Capasso si è felicitato con Felip Roca, direttore delle relazioni esterne del Comune di Barcellona.

Leggi tutto...

IL GRANDE MEDITERRANEO TRA PROBLEMI E RISORSE

Stampa
PDF

Nel corso dei workshop dedicati alla regione del Sael ed alle trasformazioni della Tunisia negli ultimi 5 anni (pluralismo, partiti, democrazia, distribuzione del potere, ecc.) il presidente Capasso ha sottolineato la necessità, come da sempre ha esposto dal 2005, di riferirsi ad un quadro generale di riferimento che è quello del “Grande Mediterraneo”: un’area i cui Paesi hanno attraversato periodi di conflitti ma anche secoli di collaborazione e cooperazione.

Leggi tutto...

LEZIONI IN COLLABORAZIONE CON CERSAIE LUIGI MORETTI – STORIA ARCHITETTURA ITALIANA

Stampa
PDF

Si è svolta al Museo della Pace la Lezione “LEZIONI IN COLLABORAZIONE CON CERSAIE. LUIGI MORETTI – STORIA ARCHITETTURA ITALIANA 2/5”. L’iniziativa è in collaborazione con CERSAIE Luigi Moretti, l’Ordine degli Architetti di Napoli e la Fondazione Mediterraneo.

Leggi tutto...

CONFERENZA ANNUALE EUROMESCO SUL TEMA "CONFRONTO SULL'ESTREMISMO VIOLENTO NELLA REGIONE EUROMEDITERRANEA"

Stampa
PDF

Si è svolta a Barcellona la Conferenza Annuale della Rete EuroMesco (Euro-Mediterranean Study Commission) costituita da 106 istituti di ricerca sulla politica internazionale: tra essi la Fondazione Mediterraneo che fu tra i costitutori della rete nel 1996 e che oggi è tra le prime 10 reti al mondo per il Tink-Tank sui temi della politica e della sicurezza.
Hanno partecipato i membri Euromesco, rappresentanti dell'Unione Europea e dell'Unione per il Mediterraneo ed esperti internazionali.
Nel suo intervento il presidente Capasso ha sottolineato la necessità di un'analisi multidisciplinare sulle complesse cause dell'estremismo violento nella regione euromediterranea e la urgente necessità di contrastare populismi ed autoritarismi affermando il valore della diversità culturale e l'accesso alla culture quale diritto fondamentale della persona umana.

Leggi tutto...