Italian - ItalyFrench (Fr)English (United Kingdom)

Maison de la Paix

CASA UNIVERSALE DELLE CULTURE

La Maison de la Paix - Casa Universale delle Culture è un luogo altamente rappresentativo, in cui trasmettere la conoscenza delle diverse identità e culture del mondo, strutturando permanentemente iniziative in grado di produrre la pace necessaria per lo sviluppo condiviso.

La Maison de la Paix - Casa Universale delle Culture (MdP) è un progetto ideato da Michele Capasso, al quale hanno aderito i principali Paesi del mondo ed organismi internazionali. E' un’architettura in cui viene custodita la memoria delle molteplici iniziative di Pace che hanno caratterizzato la storia, spesso più delle guerre, ma – soprattutto – uno spazio in cui “costruire” la Pace.

Il complesso architettonico ha un valore simbolico importante: rappresenta, infatti, i Paesi del mondo impegnati nel processo di pace, unitamente ai Paesi vittime dei conflitti.

Proposto dalla Fondazione Mediterraneo con la Maison des Alliances – insieme ai principali organismi aderenti, quali l’Assemblea Parlamentare del Mediterraneo, la Lega degli Stati Arabi, la Fondazione Euromediterranea Anna Lindh ed altri, la MdP costituisce un punto di riferimento per tutti coloro che intendono abbracciare la pace.

Il suo simbolo è il "Totem della Pace" dello scultore Mario Molinari che la Fondazione Mediterraneo sta diffondendo in tutto il mondo, costituendo la rete delle "Città per la Pace".

La prima sede della MdP è stata inaugurata il 14 giugno 2010 (Nasce la Maison de la Paix - Casa Universale delle Culture) nello storico edificio del Grand Hotel de Londres a Napoli.

L'azione della Maison de la Paix - Casa Universale delle Culture è finalizzata a valorizzare le iniziative principali del "Forum Universale delle Culture" di: Barcellona (2004), Monterrey (2007), Valparaiso (2010) e Napoli (2013).

UNA MINIERA DI EMOZIONI

Stampa
PDF

Accompagnato dal vicesindaco di Iglesias Simone Franceschi e dal geologo Giampiero Pinna il presidente Capasso ha visitato la città sarda e, specialmente, le meraviglie del Parco minerario: dalla Miniera di Monteponi - Pozzo Sella al Porto Flavia sul mare.
Patrimonio UNESCO dell’umanità, le miniere di Iglesias trasmettono emozioni uniche: dai pozzi minerari ai modelli in legno e, non ultimo, le tecniche di trasporto che all’epoca erano di assoluta avanguardia.
Il presidente Capasso ha proposto di valorizzare il parco con un programma dal titolo “La Sardegna delle emozioni” con la possibilità di custodire in questo luogo – dove non vi è alcun rischio sismico, vulcanico e geologico – i reperti, gli oggetti e le memorie che in tante parti d’Italia e del Mediterraneo sono a rischio.

Leggi tutto...

HASHTAG MOLO SAN VINCENZO: IL MARE RESTITUITO ALLA CITTÀ

Stampa
PDF

La nuova iniziativa del gruppo “Friends of Molo San Vincenzo” prosegue il percorso iniziato nel 2015 e rafforza l'obiettivo di restituire il Molo alla città sia nella sua funzione portuale sia come spazio pubblico aperto alla comunità urbana, favorendo il dialogo e la collaborazione tra le Istituzioni coinvolte.
Il progetto è stato pensato e organizzato dagli studenti e docenti del corso di laurea in psicologia dell'Università Federico II in collaborazione con CNR IRISS, Propeller Club Port of Naples, Lega Navale, ANIAI Campania, grazie al sostegno delle Istituzioni: Marina Militare, Comune di Napoli, Autorità di Sistema Portuale Medio Tirreno.
L'evento svoltosi rientra nel Maggio Napoletano promosso e organizzato dall'Assessorato alla Qualità della Vita e alle Pari Opportunità con delega al Mare del Comune di Napoli.
La terza missione dell'Università Federico II e del CNR, il public engagement, si concretizza in questo progetto di ricerca-azione del Community psychology lab e degli urbanisti dell'IRISS.
I "Pazzarielli” napoletani hanno guidato all’assaggio di prodotti tipici della tradizione napoletana (con Associazione Italiana Sommelier AIS, Cantine Astroni, Enopanetteria I Sapori della tradizione, Torrone La Provenzale) e alla visione della mostra “Pollution, Restitution, Recreation” del “Sea Artist” Paolo Valerio. 
Il tutto è stato accompagnato da musica e spettacoli di danza live dell’Accademia Napoletana Danza di Stefania Calabrese e il Gruppo musicale “Lavori in corso” di UOSM29, Asl Na1 Centro, partnership tecnica Azienda Napoletana Mobilità, CHEESE e Poligrafica Stiglione.
Si è compiuto un ulteriore importante passo per riportare il molo più antico di Napoli nel corpo vivo della città.
Un plauso alla prof. Arcidiacono ed a tutti i docenti e studenti dell'Università Federico II di Napoli.
La Fondazione Mediterraneo sostiene questa importante iniziativa per la città di Napoli.

Leggi tutto...

I PARTECIPANTI AL PROGETTO ERASMUS CLASS “INVEST” ALLA FONDAZIONE MEDITERRANEO

Stampa
PDF

La Fondazione Mediterraneo - nel quadro delle politiche di collaborazione e visibilità per progetti finanziati dall’Unione Europea - ha ospitato un incontro internazionale dei partecipanti al progetto “INVEST” finanziato dal programma Erasmus Class.
L’obiettivo del progetto è quello di attuare modelli formativi per giovani imprenditori dai 18 ai 25 anni al fine di rafforzare le loro capacità nei rapporti finanziari, con le banche e con la società.

Leggi tutto...

UNA VELA SPECIALE NELL’ACCADEMIA DI BELLE ARTI

Stampa
PDF

Quasi completato l’allestimento di un’imbarcazione speciale nell’Accademia di Belle Arti di Roma: un veliero con tante “bandiere” inneggianti alla pace e a l dialogo.

Leggi tutto...

RIUNIONE DELL'ASSEMBLEA DELLA RETE "ALMAMED"

Stampa
PDF

Si è riunita a Roma l'Assemblea della Rete di università euromediterranee "ALMAMED", sezione autonoma della Fondazione Mediterraneo e membro della Rete italiana ALF. Tra gli argomenti il riconoscimento dei curricula e gli scambi di studenti in una sorta di "Erasmus mediterraneo" con un forte intervento da parte dei governi per il rilascio dei visti: problema che di fatto rallenta e impedisce gli scambi e la cooperazione.

Leggi tutto...