Liste générale

La Rete di stutdi politici internazionali EUROMESCO, cofondata dalla Fondazione Mediterraneo, ha un nuovo sito che è in linea da oggi.

La Fondazione Mediterraneo ha partecipato alle celebrazioni di Roma e di Capua con vari membri impegnati in azioni di solidarietà ed aiuto ai migranti.
“E’ emozionante partecipare a questa Eucarestia tra le bandiere di 49 Paesi; nel mondo sono circa un miliardo le persone in movimento - ha affermato il presidente Michele Capasso - quasi un essere umano su sette; in Italia i migranti arrivati attraverso la rotta mediterranea nel 2017 sono stati 119 mila, il 34% in meno rispetto allo scorso anno. Si stima che i morti o dispersi nella rotta del Mediterraneo centrale dal Nord Africa verso l'Italia siano stati 3.116. Da inizio anno sono oltre 400 i bambini morti in mare,
tentavano la traversata da soli o con parenti, mentre in migliaia sono stati vittime di abuso, sfruttamento e schiavitù nel loro viaggio attraverso la Libia.
Solo nel 2017 - conclude Capasso - circa 15mila bambini non accompagnati hanno raggiunto l`Italia via mare ed i loro viaggi sono stati generalmente gestiti da responsabili di traffico e tratta”.
Prima di partecipare alla S. Messa il presidente Capasso ha sottolineato le emozioni ed il coinvolgimento di oltre 5.000 visitatori al percorso emozionale del Museo della Pace di Napoli dedicato a “VOCI DEI MIGRANTI”.
Celebrando la messa in San Pietro domenica 14 gennaio 2018 Papa Francesco ha detto parole di comprensione per le paure della gente di fronte al fenomeno migratorio: «Avere dubbi e timori non è un peccato. Il peccato è lasciare che questi condizionino le nostre scelte e alimentino l’odio»

Lire la suite : ...

Les Nations Unies (ONU) ont désigné  le Maroc pour abriter la « Conférence Internationale sur la Migration » (CIM 2018) qui se tiendra les 10 et 11 décembre 2018.

L’Assemblée générale de l'institution internationale a ainsi adopté, à l’unanimité, une résolution sur les modalités de ce rendez-vous, notamment le choix de la thématique "Conférence intergouvernementale chargée d’adopter le Pacte mondial pour des migrations sûres, ordonnées et régulières".
Venant compléter les travaux du Forum Mondial sur la Migration et le Développement, co-présidé par le Maroc et l’Allemagne, et dont le 11e Sommet se tiendra du 5 au 7 décembre à Marrakech, la CIM 2018 constitue le plus grand événement international sur la question de la migration.
Un rendez-vous important puisqu'il verra l'adoption du « Pacte Mondial pour des Migrations Sûres, Ordonnées et Régulières », premier document onusien sur la question de la migration dans sa globalité.
Une consécration pour le royaume et une reconnaissance de son rôle dans la gestion migratoire dans le monde en général, et particulièrement en Afrique et dans l’espace euro-méditerranéen.
La Fondazione Mediterraneo participera à cet évènement en reconnaissance de son rôle, il y a 30 années, en faveur des migrants.

Lire la suite : ...

Si è svolto a Roma, a Villa Madama, il vertice dei Paesi dell’Europa meridionale (Portogallo, Spagna, Francia, Italaia, Grecia, Cipro e Malta).
"Se dovessi sintetizzare lo spirito che ci accomuna è che siamo Paesi decisamente europeisti", questo vertice "non si caratterizza per separarsi dal resto d'Europa ma per discutere, ragionare, fare proposte a beneficio dell'Ue perché crediamo nel futuro dell'Ue". Lo ha detto il premier Paolo Gentiloni al vertice di Villa Madama tra i sette Paesi mediterranei della Ue. "La domanda di Europa a livello globale e il momento positivo per tutte le economie europee fanno sì questo sia il momento giusto per fare uno sforzo per una maggiore coesione europea", ha detto il presidente del Consiglio, sottolineando che l'incontro dei Med-7 "vuole ridurre le differenze tra nord e sud Europa, tra est e ovest": "il momento per farlo è questo in cui la congiuntura economica consente investimenti sul futuro".
"Dopo un decennio di crisi economica, l'Europa è tornata a crescere, durante le difficoltà ha sviluppato nuovi strumenti di governance e ha rafforzato la sua capacità di reagire alle sfide globali". Lo si legge nel documento finale del vertice dei paesi dell'Europa del Sud, secondo i quali ora "l'Europa è più forte, ma molto resta da fare".
"La gestione dei flussi migratori sarà una sfida fondamentale per l'Ue nei prossimi anni. I paesi del sud Europa sono particolarmente preoccupati e colpiti, dal momento che sono in prima linea sui confini dell'Ue. Il nostro ruolo fondamentale nella protezione dei confini e il peso di questo compito devono essere riconosciuti e condivisi dall'Ue", afferma il documento finale del vertice.
"Bisogna compiere i passi necessari per completare l'unione monetaria ed economica, per garantire una crescita sostenibile e bilanciata", si legge nel testo finale del vertice. I sette leader sottolineano che "completare l'unione bancaria è una priorità". Consultazioni popolari in tutta Europa dalla prossima primavera per sentire i cittadini sul futuro dell'Unione europea. E' la proposta lanciata dai leader dei paesi del Sud che nel documento finale del vertice di Roma fanno propria la proposta del presidente francese Emmanuel Macron. Sì anche alle liste transnazionali per le elezioni del Parlamento europeo, convinti che questo possa "rafforzare la dimensione democratica dell'Unione".
I leader dei paesi del Med-7 "ribadiscono il sostegno ad un accordo attuabile a Cipro che riunisca Cipro e la sua gente, e che garantisca la sovranità, indipendenza e integrità territoriale di Cipro, senza la necessità di garanti. La Repubblica di Cipro è e resta un membro dell'Ue, e esser parte dell'Ue è la migliore garanzia per una Cipro riunificata", afferma il documento finale del vertice Med-7 di Villa Madama. Il prossimo vertice dei sette paesi del sud dell'Unione europea si terrà proprio a Cipro.

Lire la suite : ...

Il presidente Michele Capasso con Pia Molinari, i membri del Consiglio Direttivo e del Comitato Scientifico Internazionale, i rappresentanti delle Sezioni autonome e delle sedi distaccate, esprime profondo cordoglio per la morte del prof. Corrado Beguinot: presidente della Fondazione Aldo Della Rocca e membro fondatore della Fondazione Mediterraneo.
Sin dall'inizio delle attività della Fondazione nacque una collaborazione profonda fondata su comuni ideali: dagli Appelli per la Pace al Manifesto per la Città Interetnica e Cablata.
Un patrimonio comune unico fatto di iniziative, pubblicazioni, eventi, conferenze: la grande testimonianza della visione di un uomo, Corrado, che ha saputo riportare Napoli nel Mondo e il Mondo a Napoli nel segno dell’Urbanistica, dell'Alta Cultura, della dedizione al Bene Comune.

Lire la suite : ...