Italian - ItalyFrench (Fr)English (United Kingdom)

LA FONDAZIONE MEDITERRANEO ESPRIME PROFONDO CORDOGLIO PER LA MORTE DI MARIO SOARES, MEMBRO FONDATORE

Stampa
PDF

Il presidente Michele Capasso, i membri del Consiglio Direttivo e del Comitato Scientifico Internazionale, i responsabili delle Sezioni Autonome della Fondazione Mediterraneo esprimono profondo cordoglio per la morte di Mario Soares, membro fondatore dell’istituzione nata a Napoli nel 1991.
In particolare il presidente Capasso ricorda l’affettuosa amicizia fraterna con lo statista portoghese sviluppatasi nell’ambito del “socialismo dal volto umano” fondato sul rispetto dei valori della solidarietà e dei diritti della persona umana.
L’attività politica di Mario Soares, morto oggi all’ospedale della Croce Rossa di Lisbona - dov’era nato il 7 dicembre 1924 - a 92 anni, ha segnato il Novecento e oltre. Esiliato dalla dittatura salazarista portoghese, ha lottato non solo per la riconquista della democrazia in patria, avvenuta nel 1974 con la Rivoluzione dei garofani, ma per l’ingresso di Spagna e Portogallo nell’Unione Europea e per il sogno dell’Internazionale socialista a metà degli anni ‘70 quando lui in Portogallo, Craxi in Italia, Mitterrand in Francia, Gonzalez in Spagna e Brandt in Germania avevano creato un asse riformista che poteva portare a un’Europa diversa.
Due volte primo ministro, dal 1976 al 1978 e dal 1983 al 1985, due volte presidente della Repubblica (dieci anni al vertice fra il 1986 e il 1996), ministro degli esteri e ministro senza portafoglio nel primo governo dopo la liberazione, Soares – che era tornato in Portogallo il 28 aprile, tre giorni dopo la fuga dell’ultimo dittatore, Marcelo Caetano - ha guidato la transizione dall’esilio in Francia.
In clandestinità ha fondato il Partito socialista che ha guidato con grande passione. Un rapporto molto complesso Soares lo ha avuto a sinistra con Alvaro Cunhal, il leader del partito comunista. Le due forze popolari e democratiche si sono combattute non solo ideologicamente, ma anche sull’europeismo: mentre Soares propugnava una coalizione di tutte le forze riformiste e anti conservatrici, Cunhal resisteva in una posizione di rivoluzione permanente contraria all’eurocomunismo di Berlinguer e a cedere terreno fra il proletariato. Facevano entrambi parte del primo governo di liberazione, ma non legarono mai completamente.
Soares andò avanti nella sua politica di inclusione, fece di tutto per i trattati europei e nel 1985 lo firmò per entrare nella Ue.
“Era impossibile – disse un giorno nel suo ufficio alla Fundaçao che prende il suo nome, in rua Sao Bento a Lisbona – rimanere fuori; venivamo da anni post-rivoluzione che erano da un punto di vista economico molto difficili, la soluzione di un mercato europeo, di una moneta comune, era l’unica che potesse portarci a uno sviluppo che altrimenti non avremmo avuto”.
L’impegno europeista di Soares si è sviluppato nell’assemblea di Strasburgo, dove ha occupato un seggio fino al 2004. A lui si deve anche la risoluzione di quasi tutte le crisi internazionali del Portogallo, quando le colonie africane e asiatiche ottennero l’indipendenza dalla madre patria. Soares guidò la transizione evitando ulteriori spargimenti di sangue.
Laureato sia in filosofia sia in legge, Soares ha guidato il Collegio Moderno, importante istituzione accademica lisbonese fondata dal padre e ora diretta da sua figlia. In campo accademico ha ricoperto numerosi incarichi in atenei portoghesi e internazionali.

Leggi tutto...

GRANDE AFFLUSSO DI VISITATORI AL MUSEO

Stampa
PDF

Grande afflusso di visitatori al Museo della Pace – MAMT sulla scia del rinnovato interesse turistico per la città di Napoli e per l’Italia in generale.
In particolare apprezzati gli oggetti riferiti alle tre religioni: dalla Moschea alla prima Sinagoga nel mondo arabo per finire agli oggetti ed ai video sui grandi protagonisti del cristianesimo e del cattolicesimo.

Leggi tutto...

ANALISI SALVATORE CALLERI (OMCOM) SU TERRORISMO JIHADISTA E CRIMINALITÀ ORGANIZZATA

Stampa
PDF

“In questo momento internazionale particolare la cui attenzione è diretta al contrasto dei movimenti terroristici di tipo jihadista bisogna però sforzarsi di mantenere una notevole vigilanza a 360 gradi su ciò che avviene attorno”: inizia così l’analisi di Salvatore Calleri – presidente della Fondazione Caponnetto e dell’Osservatorio Mediterraneo sulla Criminalità organizzata e le mafie.

Leggi tutto...

IL MERCATINO DELLA SOLIDARIETÁ PER I BAMBINI DI ALEPPO

Stampa
PDF

Continua nelle sale al piano terra del Museo della Pace - MAMT il “Mercatino della solidarietà per i bambini di Aleppo”, vittime della guerra in Siria.

Leggi tutto...

IL MUSEO DELLA PACE – MAMT RICORDA PINO DANIELE A DUE ANNI DALLA SCOMPARSA

Stampa
PDF

Apertura speciale per tutta la giornata, fino a tarda sera, del Museo della PaceMAMT con l’intero piano dedicato a Pino Daniele: oggetti personali, video, registrazioni, strumenti ed inediti accolgono il visitatore in un percorso emozionale unico e straordinario.

Leggi tutto...

LA SCOMPARSA DEL DOTT. FRANCESCO PAOLO IACCARINO

Stampa
PDF

Il presidente Michele Capasso ed i membri del Consiglio Direttivo e del Comitato Scientifico Internazionale della Fondazione Mediterraneo esprimono profondo cordoglio per la scomparsa del dott. Francesco Paolo Iaccarino, fraterno amico e collaboratore della Fondazione.
Al termine dei funerali, dopo aver abbracciato la moglie Sandra e gli altri familiari, il presidente Capasso ha voluto ricordare il fratello, l’amico, il medico, il confidente che ha dedicato la propria vita agli altri cercando di alleviare i dolori fisici e morali.
Di seguito alcuni dei tanti eventi con la Fondazione Mediterraneo che tracciano la grandezza di questo umile grande uomo.

Leggi tutto...

APPELLO PER LA PACE E PER I BIMBI DI ALEPPO

Stampa
PDF

In occasione della Giornata mondiale per la Pace, il presidente della Fondazione Mediterraneo Michele Capasso ha lanciato - come un ennesima bottiglia nel mare - un accorato appello per la pace in Siria e per i bambini di Aleppo, riproponendo il testo diffuso nel settembre 2013 in occasione del Forum Civile Euromed di Bruxelles: tristemente ancora oggi attuale!
In particolare per i bambini di Aleppo, città martire, il presidente Capasso ha sottolineato il caos persistente nel paese ed il circolo vizioso che lacera le speranze di dialogo e di pace, auspicando un risveglio delle coscienze per porre fine ad un vero e proprio genocidio.

Leggi tutto...

IN DONO AL MUSEO DELLA PACE IL PRESEPE A SPIRALE TERRA CIELO

Stampa
PDF

Ezio Reddìti, accompagnato dalla moglie Claudia, ha donato al Museo della PaceMAMT un presepe molto particolare; si titola “Il Presepe a spirale Terra – Cielo”.
È ricavato dal tronco di un albero e, con un lavoro certosino, si sviluppo su una spirale sulla cui sommità si trova la Natività.
Un impegno straordinario, un vero e proprio capolavoro per i visitatori del Museo.
Grazie a Ezio e Claudia Reddìti!

Leggi tutto...

BUON NATALE NEL SEGNO DELL'AMORE

Stampa
PDF

Pochi minuti fa Papa Francesco ha ricordato, qui a Piazza San Pietro, le tante guerre che infestano il mondo ed ha confermato, QUALE UNICO ANTIDOTO, il POTERE DELL'AMORE incarnato dal BAMBINO GESÙ.

Quando più di 25 anni orsono fondammo la Fondazione Mediterraneo assumemmo un impegno: TRASFORMARE L' "AMORE PER IL POTERE" nel "POTERE DELL'AMORE".

Di fronte ai bambini di Aleppo - ed a tutti quelli vittime di guerre, ingiustizie, soprusi, inganni - dobbiamo PERSEVERARE in questa azione: senza fermarci M A I :
solo il POTERE DELL'AMORE, DELL'ACCOGLIENZA, DELLA COESISTENZA potrà dare senso alla nostra vita ed aiutarci a costruire un futuro di pace e giustizia sociale.

BUON NATALE : con le immagini dei bimbi di Aleppo che, con le braccia aperte, come GESÙ BAMBINO, ci esortano a CREDERE nell' UOMO, nella SOLIDARIETÀ, nella COESISTENZA PACIFICA tra tutti i popoli del pianeta.

Leggi tutto...

LA FONDAZIONE PUBBLICA IL LIBRICCINO “SANTA MARIA DEL QUOTIDIANO”

Stampa
PDF

In occasione del Santo Natale la Fondazione Mediterraneo ha pubblicato il libriccino di Suor Maria Pia Giudici titolato “SANTA MARIA DEL QUOTIDIANO”: acquerelli e riflessioni che Suor Maria Pia ha realizzato per ricordare l’umiltà della Madonna.

Nel suo testo si legge:

Questi miei umili tentativi di evocarti nei colori, desidero dedicarli a SANTA MARIA DEL QUOTIDIANO, perché è un titolo che mi sembra risponda a un aspetto importante del tuo essere Vergine Sposa e Madre.
Ti hanno dedicato chiese cappelle statue, perfino cattedrali. Ti hanno chiamata Santa Maria delle Rose, Santa Maria del Frassino, Madonna dei Bisognosi, Santa Maria della Rupe, Santa Maria delle Tre fontane, Santa Maria del Pozzo. Si tratta di un repertorio ricco e significativo.
Io qui desidero evocare la Tua grandezza semplice, la tua vita luminosa ma non abbagliante. Ecco il titolo: SANTA MARIA DEL QUOTIDIANO.
Perché Tu sei pienamente donna, hai vissuto il quotidiano al femminile di quei tempi, in cui la donna non teneva conferenze né lezioni in aule universitarie.
Con ciò non ho affatto voluto alludere a un primato della “casalinga” e non auspico il ritorno ai tempi in cui ”Berta filava”.
Ho conosciuto splendide donne con trasparenza d’anima e capacità intellettive superiori su cattedre universitarie come Maria Sticco, ho letto con ammirazione la vita di Maria Curie, grande scienziata dedita alla ricerca come il marito.
Qui, timidamente ma con affetto, ho voluto che fosse il colore nelle tonalità bianco azzurre a “cantare di Te”, o Madre, l’essenzialità del femminile: una grandezza umile che, proprio nella vita di ogni giorno si rivela con la piena adesione a Dio, a quel suo Mistero che ti fu rivelato dall’Arcangelo nel giorno dell’Annunciazione.
Sì, nello scorrere di tutti i tuoi giorni, hai collaborato col tuo Signore e Figlio amatissimo alla salvezza del mondo: quel mondo che non è salvato dai grandi gesti sbalorditivi ma da un amore che diventa servizio soprattutto nel quotidiano”.

Leggi tutto...