Italian - ItalyFrench (Fr)English (United Kingdom)

AL MUSEO DELLA PACE LA GIORNATA DELLA MEMORIA E DELLA LEGALITÀ

Stampa
PDF

Il 21 marzo, primo giorno di primavera, il Museo della PaceMAMT ha celebrato con video, performance ed incontri la “Giornata della Memoria e della Legalità” per ricordare le vittime innocenti delle mafie auspicando che il risveglio della natura risvegli a voglia di verità e di giustizia sociale.
L’associazione Libera festeggia questa giornata, dal 1996, ogni anno in una città diversa leggendo i nomi di tutte le vittime innocenti: da quest’anno il Museo della Pace – MAMT fa scorrere attraverso i 107 videowall di grandi dimensioni i nomi di tutte le vittime per NON DIMENTICARE.
“Ci sono vedove, figli senza padri, madri e fratelli. Ci sono i parenti delle vittime conosciute, quelle il cui nome richiama subito un’emozione forte. E ci sono i familiari delle vittime il cui nome dice poco o nulla. Per questo motivo è un dovere civile ricordarli tutti. Per ricordarci sempre che a quei nomi e alle loro famiglie dobbiamo la dignità dell’Italia intera”.
Oggi più che mai ci sono altre vittime dell’illegalità, la gente su cui ricade il peso dei latrocini quotidiani perpetrati da una classe dirigente che a tutti i livelli ruba e legifera a proprio uso e consumo, indifferente alle sorti di tanti cittadini che vivono le peggiori mortificazioni sociali, l’emarginazione, la mancanza di un presente e soprattutto l’assenza di un futuro.
Ora si deve reagire se vogliamo garantire ai nostri figli un futuro degno di essere vissuto.

Leggi tutto...

TULLIO DE PISCOPO AL MUSEO DELLA PACE

Stampa
PDF

Accolto da Michele Capasso e da Alessandro Daniele, Tullio De Piscopo ha visitato alcune sezioni del Museo della Pace e, specialmente, quella dedicata a “Pino DanileAlive”. Un solo commento: COMMOZIONE ED EMOZIONE!

Leggi tutto...

DON PEPPE DIANA RICORDATO CON UNA GIORNATA SPECIALE AL MUSEO DELLA PACE MAMT NELL’ANNIVERSARIO DELLA MORTE

Stampa
PDF

Don Peppe Diana è stato ricordato a 23 anni dal barbaro assassinio con una serie di eventi nel Museo della PaceMAMT dove vi è una sezione permanente a lui dedicata.
Don Peppe Diana fu ucciso dalla camorra il 19 marzo 1994 nella sua chiesa a Casal di Principe, mentre si accingeva a celebrare messa.  Gli assassini non si accontentarono di freddarlo, vollero pure scempiarne il corpo con ulteriori colpi di pistola al basso ventre per indicare falsamente un movente sessuale e così tentare di impedire che divenisse il simbolo del riscatto di un popolo vessato dalla criminalità organizzata. Operazione in effetti in buona parte riuscita, se ci sono voluti 21 anni perché la diocesi di Aversa si decidesse a chiedere alla Santa Sede l’avvio della causa di beatificazione che deve riconoscere il martirio di don Peppe.
Le ragioni per le quali fu ucciso il parroco di Casal di Principe sono emerse nel processo che condannò i suoi omicidi, ma solo in secondo grado e poi in Cassazione, quando i giudici ribaltarono la sentenza di primo grado ed esclusero l’ipotesi della custodia da parte del parroco delle armi, fatto che aveva innescato la macchina del fango contro don Diana, facendo prevalere l’immagine di un prete vicino alla gente e ai giovani (patrimonio ritenuto indispensabile anche per i clan), impegnato a contrastare la subcultura camorrista, il cui valore simbolico era diventato potente.
Secondo la ricostruzione dei pm Don Diana aveva poi rifiutato la celebrazione dei funerali in chiesa di un malavitoso e questo gesto era stato considerato un affronto troppo duro da sopportare.
Tre giorni dopo il nipote del morto, infatti, entrò in sagrestia e sparò al sacerdote.
Don Diana perseguiva l’ostinata difesa dei suoi ragazzi esposti al male della corruzione e della delinquenza. E il testamento spirituale “Per amore del mio popolo non tacerò è un manifesto che impegna a non restare silenti davanti a “ogni ambiguo compromesso o ingiusto privilegio”.

Leggi tutto...

RICORDANDO PINO AL MUSEO DELLA PACE

Stampa
PDF

In occasione dell’onomastico di Pino Daniele i suoi più stretti collaboratori si sono riuniti al Museo della Pace MAMT ricordando il grande musicista: dal Maestro Tullio De Piscopo al manager Enrico Rovelli, da Gianbattista a Stefano ed a tanti altri…
In questa giornata è tornato il piccolo Sirio da Roma!
Un abbraccio forte, Pino!

Leggi tutto...

PRESENTAZIONE DEL LIBRO DI ANTON EMILIO KROGH “COME ME NON C’E’ NESSUNO”

Stampa
PDF

Il presidente Michele Capasso ha partecipato alla presentazione del libro di Anton Emilio KroghCome me non c’è nessuno”, presente Rita Pavone.

Leggi tutto...

I PARTECIPANTI ALLA PRESENTAZIONE DEL LIBRO "QUEI GESTI ANTICHI" IN VISITA AL MAMT

Stampa
PDF

Più di 150 partecipanti alla presentazione del libro di Anna Ausilia Ranieri  “Quei gesti antichi” hanno visitato il Museo della Pace – MAMT.

Leggi tutto...

PRESENTAZIONE DEL LIBRO DI ANNA AUSILIA RANIERI "QUEI GESTI ANTICHI"

Stampa
PDF

Nella Sala Vesuvio del Museo della PaceMAMT si è svolta la presentazione del libro di Anna Ausilia Ranieri “QUEI GESTI  ANTICHI” (editore Serarcangeli). Con l'autrice sono intervenuti il presidente Michele Capasso, il giornalista Vincenzo Colimoro e la critica letteraria  Antonella Viggiani.
Più di 150 partecipanti hanno affollato la sala e, prima della presentazione, visitato il Museo della Pace – MAMT.

Leggi tutto...

CORSO DI FORMAZIONE SUGLI ASPETTI EMOZIONALI E COMPORTAMENTALI DELLA PERSONA

Stampa
PDF

A cura di “Neurocomsciences” si sono svolti presso la sede del Museo della PaceMAMT i corsi sugli aspetti emozionali e comportamentali della persona umana.

Leggi tutto...

INAUGURAZIONE ANNO GIUDIZIARIO 2017 TAR CAMPANIA

Stampa
PDF

Si è svolta la cerimonia d’inaugurazione dell’Anno Giudiziario 2017 del TAR CAMPANIA.
Per la Fondazione Mediterraneo sono intervenuti Michele Capasso e Pia Molinari.

Leggi tutto...

L’IMPEGNO SALESIANO PER I MIGRANTI AL FORUM INTERNAZIONALE “MIGRAZIONI E PACE”

Stampa
PDF

(ANS – Città del Vaticano) – I Salesiani sono figli di un migrante, Don Bosco, che proveniva dalle aree rurali di Castelnuovo d’Asti e si trasferì a Torino. I suoi primi destinatari furono giovani migranti e i primi missionari in Argentina dovevano occuparsi dei migranti italiani. Ma soprattutto, oggi, i Salesiani lavorano con e per i migranti, soprattutto bambini e giovani, in tutti i continenti.
Ecco perché i Salesiani sono intervenuti al Forum Internazionale “Migrazioni e Pace”, in corso in questi giorni (21-22 febbraio) in Vaticano.
L’evento, organizzato dal Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale, dallo “Scalabrini International Migration Network” (SIMN) e dalla “Fondazione Konrad Adenauer”, ha visto ieri anche l’intervento di Papa Francesco, che ha accolto i partecipanti nella Sala Clementina. Nel suo discorso il Pontefice ha chiesto di farsi prossimi alle persone che fuggono da situazioni di pericolo proponendo quattro parole chiave: accogliere, proteggere, promuovere e integrare.
Da parte loro don Martín Lasarte e don George Menamparampil, Salesiani, del Settore per le Missioni, hanno avuto l’opportunità di presentare l’approccio e le diverse articolazioni del lavoro dei Figli di Don Bosco con i migranti. Essi costituiscono dei destinatari privilegiati della missione salesiana, dato che sui 65,3 milioni di rifugiati/sfollati (dati UNHCR), più della metà sono minori e l’altra metà in maggioranza giovani, cioè i primi beneficiari del carisma salesiano.
Nelle diverse presenze salesiane – scuole, centri di formazione professionale, oratori, opere sociali e parrocchie – in oltre 130 paesi del mondo si entra in contatto diretto con circa 10,6 milioni di persone, delle quali si stima che il 16% siano rifugiati, sfollati interni o immigranti di prima o seconda generazione. In Italia, ad esempio, nei 50 Centri di Formazione Professionale, i migranti sono il 20% degli allievi.
La missione salesiana pertanto coinvolge circa 1,7 milioni di persone in situazione di mobilità umana, tra i quali circa 400mila rifugiati/sfollati/richiedenti asilo.
Gli interventi nei loro confronti, senza escludere le operazioni d’emergenza ogniqualvolta sia necessario, hanno come priorità lo sviluppo di processi educativi che, nell’arco di un tempo sufficiente, possano offrire ai migranti gli strumenti per inserirsi nel mondo del lavoro e quindi nelle società di accoglienza.
D’altra parte i Salesiani lavorano anche per trasmettere alle società ospitanti i valori di solidarietà propri del Vangelo.
E si adoperano anche con iniziative specifiche di contrasto al fenomeno del traffico di esseri umani, come quelle della ONG “People’s Action for Rural Awakening” nella regione Indiana; o “Stop Tratta”, in collaborazione con l’ONG “Volontariato Internazionale per lo Sviluppo” in Africa Occidentale ed Etiopia.
Anche da parte salesiana, infine, è stata osservata la necessità di rafforzare e rendere più sistematiche a livello globale la collaborazione con altre istituzioni cattoliche attive nello stesso settore.

Leggi tutto...